Verso il Giro d’Italia: senza Nibali, ma con o senza Froome?

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui
PAU, FRANCE - JULY 13: Christopher Froome of Great Britain riding for Team Sky in action during stage 12 of the Le Tour de France 2017, a 214.5km stage from Pau to Peyragudes on July 13, 2017 in Pau, France. (Photo by Bryn Lennon/Getty Images)

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Mancano meno di due mesi alla partenza dell’edizione numero 101 del Giro d’Italia. Una delle peculiarità di quest’edizione è proprio la partenza che per la prima volta avverrà al di fuori dei confini europei, precisamente a Gerusalemme. Qui, infatti, i corridori saranno impegnati nelle prime tre tappe. A seguire poi il trasferimento della carovana in Italia, precisamente in Sicilia, terra natia dello Squalo dello Stretto. A differenza dello scorso anno però, per quest’edizione Vincenzo Nibali ha scelto di non prendere parte alla manifestazione, scegliendo invece di schierarsi al via al Tour de France, in programma nel mese di luglio.
La corsa rosa potrebbe avere in serbo anche un’altra sorpresa: “Chris Froome, capitano del Team Sky, sarà ai nastri di partenza come dichiarato tramite video, durante la presentazione ufficiale delle tappe dello scorso mese di novembre, o verrà squalificato prima di tale appuntamento”?

Chris Froome al Giro d’Italia?

Una delle ultime incognite da risolvere nel mondo del ciclismo è la questione di Chris Froome. Il corridore ufficialmente ha affermato la sua partecipazione alla corsa rosa e la sua presenza sarà tale solo qualora non arrivi anzitempo il verdetto con l’ eventuale squalifica. Ricordiamo infatti che il britannico è stato trovato positivo al salbutamolo in un controllo antidoping effettuato nel mese di settembre quando era impegnato nella Vuelta di Spagna. Se la sentenza definitiva non dovesse arrivare prima del Giro, Froome parteciperà regolarmente, ma sub iudice, ciò significa che qualora aposteriori arriverà una squalifica per il corridore, questi perderà tutte le vittorie ottenute in precedenza, ossia a partire dalla Vuelta di Spagna. Tale scenario andrebbe a connotare negativamente lo spettacolo e anche il mondo del ciclismo, visto che le sue eventuali vittorie verranno distribuite a tavolino.
Froome ha di recente partecipato alla Tirreno-Adriatico che si è conclusa negli scorsi giorni, dove la pressione che gli sta intorno per questa situazione, sembra aver minato proprio la sua immagina di corridore imbattibile.

  •   
  •  
  •  
  •