Ciclismo, Fabio Aru potrebbe rinunciare al Tour de France e ai campionati italiani

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Fabio Aru – Foto Pagina ufficiale Giro d’Italia

Per Fabio Aru è stata una prima parte di stagione molto complicata, che si è conclusa con il fallimento al Giro d’Italia. La corsa rosa doveva essere il grande obiettivo del Cavaliere dei Quattro Mori, ma le cose non sono andate come lui e il suo team, l’UAE Emirates, speravano. Complice una preparazione sbagliata, uno status di salute non ottimale e l’emergere di nuove intolleranze alimentari, Aru è stato costretto a ritirarsi in corsa, dalla manifestazione ciclistica, prendendosi successivamente un po’ di pausa, soprattutto dai social, per riacquistare la serenità giusta per ripartire.
Non ci sono ancora notizie ufficiali per quel che riguarda i suoi prossimi appuntamenti, ma visto l’imminenza dei campionati italiani, sembra ormai quasi certo il suo forfait. Ricordiamo che Aru è ancora fermo e molto probabilmente tornerà in sella alla sua bicicletta proprio il mese prossimo, a luglio.

Leggi anche:  Giro d'Italia 2021, le indiscrezioni sul percorso

Aru verso il no ai campionati italiani e al Tour de France. Presente alla Vuelta e ai Mondiali?

Sebbene non trapelino ancora dichiarazioni ufficiali, sembra ormai scontata l’assenza di Fabio Aru ai campionati italiani, in programma sabato 30 giugno. Detentore in corso della maglia tricolore, il corridore quindi non potrà difendere il suo titolo. Fermo da quando ha lasciato il Giro d’Italia, in attesa di ulteriori accertamenti riguardanti le sue analisi e condizioni di salute, sembra proprio tramontare anche l’idea di partecipare e correre il Tour de France. La manifestazione ciclistica in territorio francese è in programma a partire dal 7 luglio. Aru aveva preso parte alla scorsa edizione, dimostrando per una buona parte della corsa, un’ottima condizione fisica. Aveva conquistato anche la maglia gialla, indossata per alcune tappe, salvo poi mettere in evidenza un improvviso calo della forma fisica, che ne ha condizionato notevolmente l’ultima settimana di corsa.

Leggi anche:  Daniele Nardello: "Prenderei subito Aru"

Stando così le cose, le previsioni portano ad una scelta in chiave Vuelta di Spagna e Mondiali di Innsbruck. Le corse sono in programma rispettivamente nel mese di agosto e di settembre. La Vuelta servirebbe quindi come competizione per migliorare la forma fisica e per ritrovare la gamba, in vista proprio dell’appuntamento di Innsbruck, da vivere o da protagonista oppure da supporto per l’altro azzurro e suo amico, Vincenzo Nibali. Questa scelta spetta ovviamente a Davide Cassani, ct della nazionale azzurra di ciclismo.

Quando torna alle corse Fabio Aru?

Al momento Aru è ancora fermo, ma dovrebbe ripartire nel mese di luglio, con un intenso allenamento in vista del ritorno alle corse, in programma probabilmente ad agosto quando il corridore prenderà parte al Giro di Polonia. La seguente manifestazione ciclistica è in programma dal 4 al 10 agosto.
Analizzando i precedenti, il Cavaliere dei Quattro Mori, ha già preso parte a questa corsa, nell’edizione 2015, anno in cui vinse proprio la Vuelta di Spagna. Che sia di buon auspicio per rimediare ad un’annata che si è rivelata molto sfortunata? Non resta che attendere ancora un po’, soprattutto per i tifosi del corridore, per rivedere Fabio Aru in sella alla sua bicicletta e correre da protagonista, insieme ai grandi campioni.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: