Appello di Bettiol: “Adesso in Italia non abbiamo corridori che possano vincere una Classica”

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu Segui

Appello di Bettiol

L’appello di Bettiol arriva in mixed zone dopo la prova a cronometro che è stata difficile per gli azzurri, ma ha lasciato buone sensazioni ai corridori. Nello specifico Bettiol ha commentato: “Sono molto contento di questa cronometro, perché sono riuscito a dare tutto fino all’arrivo. Per me, è difficile trovare dei punti in cui potevo spingere di più. Quando si riesce a dare tutto è già positivo, cosa che non sono riuscito a fare sabato per via dei crampi dopo lo strappo a qualche chilometro dall’arrivo.

Bettiol ha poi aggiunto: “La stagione è ancora lunga e partecipare alle Olimpiadi non era tra i piani, però mi sono giocato la convocazione al Giro e dato che c’ero volevo far bene. Non ho rimpianti, ne ho per la strada, ma non è dipeso da me”.

 

L’appello di Bettiol. Le dichiarazioni

Bettiol poi sottolinea: “Siamo una squadra, attualmente questo è il nostro livello. Ovviamente per quanto riguarda la corsa su strada, non abbiamo adesso in Italia corridori che possono vincere una Liegi, un Lombardia, quindi alla fine l’Olimpiade è stata una grande classica. Abbiamo fatto del nostro meglio, non potevamo fare diversamente. Siamo squadra fuori dalla corsa, cerchiamo di collaborare e ci divertiamo. Porto dietro di me, buone sensazioni sapendo che siamo a metà della stagione. Da oggi in poi, comincia la seconda parte della stagione con una bella prova all’Olimpiade e ora mi aspetta la Vuelta e il Campionato del mondo”.

  •   
  •  
  •  
  •