Davide Cassani fa il punto sul ciclismo italiano, il Tour e la sicurezza

Pubblicato il autore: Annamaria Sabiu

Davide Cassani fa il punto
Davide Cassani fa il punto sul ciclismo italiano in un’intervista rilasciata a Repubblica dove ha sottolineato come sia difficile fare ciclismo in Italia. Cassani è stato per tanti anni il Ct della Nazionale Azzurra di Ciclismo accompagnandola anche nelle Olimpiadi di Tokyo prima della sua sostituzione al timone della stessa. Uno degli aspetti messi in evidenza da Cassani è proprio la difficoltà che i corridori italiani stanno avendo su strada. Al riguardo ha sottolineato: “Su strada facciamo una fatica del diavolo proprio perché non abbiamo un team italiano nel World Tour e abbiamo una categoria dilettantistica molto indietro rispetto a quelle di altri paesi. E poi ci deprimiamo facilmente: se un ragazzo non esplode entro i 24 anni, lo diamo per finito. Abbiamo negli occhi i ventenni meravigliosi, i Pogacar, gli Evenepoel. Ma Nibali e Colbrelli ci hanno messo anni per esplodere, per dire”.

Davide Cassani fa il punto anche sul Tour e la sicurezza

Nel 2024 ci sarà una grande novità per l’Italia. Infatti, l’edizione 2024 del Tour de France partirà proprio dalla penisola. In Italia si correranno le prime tre tappe e per la nostra terra sarà una vetrina davvero importante. Al riguardo Cassani, ospite alla presentazione ufficiale del percorso ha affermato: “Non è la realizzazione di un sogno per me, ma è una soddisfazione grande perché il Tour non era mai partito dall’Italia”.

All’ex ct della Nazionale sta a cuore anche il tema della sicurezza. Sempre più ciclisti negli ultimi anni hanno perso la vita durante gli allenamenti investiti da alcune vetture. Non ultima la tragica scomparsa di Davide Rebellin investito da un camion senza nemmeno esser stato soccorso. Su questo aspetto Cassani ha evidenziato: “È il problema più grande che abbiamo: la vita di una persona vale più qualunque altra cosa al mondo. Bisogna fare qualcosa, allestire circuiti protetti ma anche realizzare una campagna di sensibilizzazione. Bisognerebbe anche lanciare delle campagne di rispetto reciproco sulle strade, cosa che non c’è assolutamente”.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Serie C, dove vedere Juventus Next Gen-Vicenza: streaming LIVE e diretta tv Rai Sport?
Tags: