Volley femminile: finisce l’avventura dell’Italia a Tokyo, la Serbia vince 3 a 0

Pubblicato il autore: Vincenzo Palumbo Segui

Volley femminile
Volley femminile – quarti di finale

Italia – Serbia 0-3

Troppa Serbia o troppa poca Italia. Non vanno nascosti i meriti delle nostre avversarie ma la Egonu e compagne hanno davvero deluso le aspettative. Gli addetti ai lavori alla vigilia della sfida hanno parlato di finale anticipata ma la superiorità della squadra trainata dalla Boskovic, è stata troppo evidente in tutti e 3 i set.
L’Italia mai veramente in partita ha quasi solo subito e adesso c’è da smaltire la delusione e capire le cause di un’eliminazione così precoce di una nazionale che puntava alla medaglia dorata.

Set 3 – ITA – SER 21-25
Serve un’impresa per riaprire la partita.
L’Italia sembra più grintosa. Muro sullo Boskovic e +3.
Time-out Serbia, le azzurre sono più in palla in questo terzo set.
Schiacciata Egonu per il +4 Italia.
L’Italia brucia il vantaggio e il C.T. chiama il time-out.
Manca 1 solo punto alla Serbia per chiudere la sfida.
Ultimo punto messo a segno dalla Boskovic e l’Italia va fuori senza medaglie.

Set 2 – ITA – SER 14-25
La Serbia parte forte anche in questo secondo set.
L’Italia fatica a reagire. Serve una scossa per non lasciar fuggire le avversarie.
Ace di Paola Egonu.
Fantastico primo tempo di Danesi e l’Italia accorcia le distanze.
Time-out per le azzurre tornate sotto di 5 punti.
La Serbia vola a +10 e mette le mani anche su questo secondo set.
Errore di Egonu che da la vittoria del set alle serbe.

Set 1 – ITA – SER 21-25
Primo punto della partita a favore della Serbia.
Paola Egonu mette a segno il primo punto dell’Italia.
Muro di Danesi e le azzurre pareggiano.
Set molto equilibrato, al momento le squadre si rispondono colpo su colpo.
Buon break dell’Italia e la Serbia chiama il primo time-out.
La Boskovic sale in cattedra e porta in vantaggio le serbe.
Ognjenovic realizza il punto che regala il primo set alla Serbia.

Pre-Partita

L’urna di Tokyo non è stata fortunata per le azzurre. La squadra allenata da Davide Mazzanti deve vedersela con la Serbia. Accoppiamento pericoloso, non a caso le serbe fanno tornare a galla ricordi amari. Nella finale mondiale del 2018 la nazionale serba ha battuto proprio l’Italia.
C’è voglia di vendetta e riscatto ma soprattutto il volley femminile vuole conquistare una medaglia. Le azzurre partono con il pronostico avverso e non sarà facile superare la corazzata guidata da Tijiana Boskovic. Paola Egonu e compagne puntano a far meglio del squadra maschile eliminata ai quarti di finale dall’Argentina. Inoltre la nazionale di volley femminile vuole sfatare il tabù che non l’ha mai vista superare i quarti di finale (eliminate tre volte nel 2004, 2008, 2012).

Il cammino delle azzurre del volley femminile

L’Italia nonostante due sconfitte, in particolar modo bruciante quella subita dalla Cina, non ha sfigurato nel proprio girone. Le azzurre hanno chiuse al secondo posto alle spalle delle forti statunitensi. Il piazzamento comunque non è bastato per evitare un avversario di livello e infatti l’urna ha voluto la Serbia, campione del mondo in carica.
La vincente della partita sfiderà in semifinale una tra USA e Repubblica Dominicana.

  •   
  •  
  •  
  •