MotoGP | GP Malesia, le pagelle: le Ducati volano e Dovizioso si porta a -21, Marquez ragioniere

Pubblicato il autore: Giulia Cattai Segui

GP Malesia: le pagelle. La penultima tappa del motomondiale è terminata e per sapere chi sarà il campione del mondo 2017 dobbiamo aspettare due settimane. Intanto questa gara ha visto il trionfo delle Ducati, che hanno portato a casa una magnifica e intelligente doppietta. Johann Zarco ancora nelle posizioni che contano. Marc Marquez fa il ragioniere e si accontenta del quarto posto. Male le Yamaha ufficiali, che naufragano nel circuito di Sepang. Ecco le pagelle!

Andrea Dovizioso: voto 10+. La sua gara è intelligente, perfetta, senza errori. Fa quello che doveva fare per tenere aperti i giochi. Questo risultato è la risposta giusta che ci si aspettava dopo Philip Island, sia da parte di Dovizioso che da parte del team Ducati. I punti che lo dividono da Marquez sono 21 e questo permette di rimandare la lotta per il mondiale a Valencia, ultima tappa del campionato. A come andrà quella gara ci penseremo tra due settimane, per ora possiamo dire che Andrea Dovizioso quest’anno è stato fenomenale.

Jorge Lorenzo: voto 10. In sella alla sua Ducati, l’acqua non fa paura. Jorge dimostra ancora una volta di essere a suo agio su queste condizioni, cosa che non succedeva con la Yamaha. La sua gara è strabiliante, all’altezza del suo nome. Un piccolo errore, però, permette a Dovizioso di guadagnare la vittoria. Se non fosse stato per quello, probabilmente avrebbe lottato fino alle fine e questo è quello che ci si aspetta da un campione come lui. Rimane però un dubbio: cos’è la mappatura 8?

Johann Zarco: voto 9. Ancora una volta lui è tra i migliori. La sua prestazione è migliore di quella delle Yamaha 2017. Sceglie una gomma posteriore diversa rispetto agli altri, ma la sua scelta paga. Rimane al comando della gara per i primi giri, poi inizia a calare ma non molla. Il podio è meritatissimo ed è il segno che questo pilota ha davvero del talento. Bravo, Johann!

Marc Marquez: voto 8+. Oggi ha fatto il ragioniere che è esattamente quello che doveva fare. Decide giustamente di non prendersi rischi inutili e porta a casa punti importanti. Quando Zarco inizia a cedere, lui aveva comunque già deciso che il quarto posto sarebbe stato un risultato perfetto. La lotta è quindi rinviata a Valencia, dove probabilmente non sarà così ragioniere come oggi.

Dani Pedrosa: voto 7-. Dopo la fenomenale pole di ieri, oggi ci si aspettava molto da lui, ma la pioggia rovina i suoi giochi. Sceglie una gomma soft al posteriore per provare una strategia diversa, ma non paga. Non ha il ritmo giusto, ma limita i danni con un quinto posto.

Danilo Petrucci: voto 8. Visto la lotta tra i piloti davanti, passa un po’ in secondo piano la sua gara. Gara che è stata straordinaria: riscontra dei problemi nel giro di posizionamento ed è costretto a rientrare ai box per cambiare moto. La sua gara è in rimonta e che rimonta! Dal fondo riesce a risalire e conquista la sesta posizione, davanti a Valentino Rossi. Chissà come sarebbe stata la sua gara senza quei problemi elettronici.

Yamaha: bocciata. Se sull’asciutto Valentino Rossi aveva dimostrato di poter lottare per lo posizioni iniziali, con il bagnato deve accontentarsi del settimo posto. L’unica consolazione che può avere è di essere arrivato davanti al suo compagno di squadra Maverick Viñales, che chiude appena nono. Le prestazioni della Yamaha ufficiale ancora una volta non sono all’altezza di quella clienti di Johann Zarco.

Suzuki: bocciata. La Yamaha 2017 non è l’unica ad andare male con queste condizioni. Anche la Suzuki non riesce a mettere insieme delle belle prestazioni. Andrea Iannone rimane fuori dalla zona punti. Va peggio ad Alex Rins che cade quando in realtà era in una buona posizione, cambia moto e cade ancora. Una Suzuki non ai livelli di Philip Island.

Franco Morbidelli: voto 10 e lode. Come possiamo non dare un voto anche al campione Moto2? Con Luthi che viene dichiarato ‘unfit’, Morbidelli ha già il mondiale in tasca prima di correre la gara. Chiude comunque la gara sul gradino più basso del podio e adesso può godersi la sua vittoria. In totale conta 8 successi stagionali, di cui tre consecutive. Sarà interessante vedere cosa farà l’anno prossimo in MotoGP.

  •   
  •  
  •  
  •