MotoGP Ducati: presentata la nuova Desmosedici GP 18. Dovizioso e Lorenzo puntano al titolo iridato

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui

Lorenzo e Dovizioso
La Ducati riparte da dove aveva lasciato: Andrea Dovizioso e l’obiettivo mondiale.
A Borgo Panigale, nel giorno della presentazione della nuova Desmosedici GP 18 per la stagione che inizierà nelle prossime settimane, l’atmosfera che si respira è di chi sa di potersi giocare ancora una volta il titolo iridato della MotoGP. Dopo un 2017 concluso con la grande prestazione di Andrea Dovizioso, vice campione del mondo alle spalle del pilota Honda Marc Marquez e un Jorge Lorenzo apparso in recupero nel feeling con la sua moto, il 2018 si apre con dichiarazioni importanti da parte di tutto l’ambiente Ducati.
L’amministratore delegato della Ducati Claudio Domenicali, ha parlato del suo team come mai fatto prima d’ora elogiando apertamente il pilota italiano: “Ducati e Dovizioso sono innamorati reciprocamente: Andrea è DesmoDovi e conferma quanto ha sposato il credo “ducatista”, noi lo supportiamo con una storia iniziata nel 2013 dopo che si era distrutto un patrimonio di competenze. Allora la moto era un ibrido, un disastro che non andava bene né in curva né in rettilineo: lui ha creduto nel nostro progetto”.
Parole di stima a cui si aggiungono quelle che fanno riferimento al contratto del forlivese, che la passata stagione, non è un mistero, è stato obbligato a diminuirsi lo stipendio per far spazio a Jorge Lorenzo: “Faremo tutto il possibile per tenere Andrea con noi, perché crediamo che il potenziale di Andrea con la nostra moto sia molto alto. Non è un’ipotesi, è un fatto certo: l’ha dimostrato lui. Il Dovi che abbiamo di fronte oggi non è lo stesso che avevamo davanti due anni fa: ogni volta che si rinegozia un contratto, i valori che si discutono si ridiscutono in funzione della storia, delle prestazioni”.

MotoGP Ducati: Dovizioso e Lorenzo con la Desmosedici GP 18 per vincere

La sfida al mondiale di MotoGP 2018 inizia quindi con le parole dell’ad Claudio Domenicali ma anche quelle del direttore generale Gigi Dall’Igna che analizza la stagione che verrà anche dal punto di vista tecnico: “Posso dire che ormai sono poche le piste che ci mettono in difficoltà, quindi dovremo migliorare sotto questi aspetti e in inverno abbiamo lavorato molto sulla ciclistica facendoci venire in mente idee che proveremo nei test. Ma nel 2018 avremo anche più cavalli nel motore e un lavoro nuovo sull’aerodinamica. I piloti saranno il nostro valore aggiunto”.

Proprio i piloti, chiamati in causa da Dall’Igna, sembrano entrambi intenzionati a stupire. Dovizioso non si nasconde e lancia il guanto di sfida al mondiale: “Il 2017 è stato stupendo, abbiamo vissuto emozioni grandi. Normale che l’obiettivo sia fare qualcosa di più con ancora più spinta. Non sarà facile ma vogliamo crescere anche nelle piste in cui ci mancava qualcosa“. E sul rinnovo, il Dovi chiude alle voci che vogliono le parti distanti: “La verità è che non abbiamo ancora parlato, succederà a breve, ma tutto quello che  si è detto è falso“.

Anche Jorge Lorenzo è positivo e pensa in grande. Lo spagnolo vuole riscattare una stagione di adattamento che non lo ha visto quasi mai protagonista e per il 2018 l’unico desiderio è vincere. “Siamo pronti per il 2018. Credo che la squadra e la moto siano pronte per vincere, vogliamo crescere e io voglio fornire la migliore versione di Jorge Lorenzo disponibile, questa moto rischia di vincere tante corse“.

  •   
  •  
  •  
  •