Formula 1, la nuova Mercedes è la W09; Hamilton: “Grande macchina, sono pronto”

Pubblicato il autore: Aote Segui
MONZA, ITALY - SEPTEMBER 03: Lewis Hamilton of Great Britain driving the (44) Mercedes AMG Petronas F1 Team Mercedes F1 WO8 on track during the Formula One Grand Prix of Italy at Autodromo di Monza on September 3, 2017 in Monza, Italy. (Photo by Clive Rose/Getty Images)

(Photo by Clive Rose/Getty Images © scelta da SuperNews)

Il grande giorno della doppia presentazione Mercedes-Ferrari inizia con le Frecce d’argento.
Presentata on line la W09, monoposto con la quale Lewis Hamilton andrà alla ricerca della conferma del titolo di Campione del Mondo e Valtteri Bottas cercherà di guadagnarsi la conferma anche per la prossima stagione, tentando, perchè no, di dare in qualche modo fastidio al suo caposquadra.
La nuova Mercedes si è rivelata prima su internet, con un video che ne rivelava le forme, poi in pista, con Vallteri Bottas che si è cimentato sul circuito di Silverstone nei primi giri della stagione, nell’ambito dell’ormai tradizionale filming day. Una monoposto che nasce come naturale evoluzione della W08, e come dare torto alla scuderia tedesca, che viene da quattro titoli mondiali consecutivi, sia tra i piloti che nei costruttori. Anche a livello cromatico la vettura appare molto simile alla precedente.

Leggi anche:  Formula 1, ecco il futuro di Sergio Perez

Impressioni confermate anche da Lewis Hamilton, che però svela qualche segreto della nuova monoposto: “Da fuori sembra molto simile alla vecchia macchina, ma le novità ci sono, e tante. A livello di aerodinamica si tratta di una vettura completamente nuova. Gli ingegneri hanno fatto un grande lavoro, adesso tocca a me. Sono pronto“.
Appena terminati i primi giri sul circuito i Silverstone anche Vallteri Bottas ha voluto fornire le prime impressioni, con particolare riferimento alla grande novità rappresentata dalla presenza dell’Halo: “So che da fuori sembra una novità strana, basterà farci l’abitudine. Fa impressione sapere quante ore di lavoro sono state necessarie per realizzare la macchina e quanta gente ci ha lavorato. Parlando da pilota è qualcosa che ti fa sentire speciale“.
Dal punto ci vista aerodinamico colpiscono i profili della zona posteriore, molto affusolato e estremamente rastremato. Per molti una novità assoluta per una monoposto di Formula 1.

  •   
  •  
  •  
  •