F1, Gp Cina, Vettel: No a troppe pressioni, ma restiamo concentrati. Raikkonen: In Bahrain persi punti preziosi

Pubblicato il autore: Martina Gramaglia Segui
ABU DHABI, UNITED ARAB EMIRATES - NOVEMBER 23: Sebastian Vettel of Germany and Ferrari looks on in the Drivers Press Conference during previews for the Abu Dhabi Formula One Grand Prix at Yas Marina Circuit on November 23, 2017 in Abu Dhabi, United Arab Emirates. (Photo by Clive Mason/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Non c’è 2 senza 3. Certo è un modo di dire, ma è quello che auspicano Sebastian Vettel e i tifosi della Ferrari in vista del Gran Premio di Cina, in programma domenica sul circuito di Shangai. Il pilota della Rossa è reduce dal bis di vittorie delle prime due gare della stagione. In modo particolare la vittoria ottenuta in Bahrain è stata emblematica: una macchina perfetta, un Seb perfetto capace di gestire le gomme fino alla fine, difendendosi dall’assalto di Bottas e una team perfetto, autore di una strategia rischiosa ma estremamente efficace. Quindi, dopo due appuntamenti, la classifica iridata dice Vettel al comando con 50 punti, seguito dal campione in carica della Mercedes Lewis Hamilton a 33, dal suo compagno di squadra Valtteri Bottas a 22 e dal pilota McLaren Fernando Alonso con 16. L’altro pilota del Cavallino rampante Kimi Raikkonen è 5°, a quota 15 punti.

Ora a meno di una settimana da quel trionfo si riparte in estremo Oriente e domani le prove libere daranno, come al solito le prime indicazioni sul week-end che piloti e appassionati si apprestano a vivere.  Guardando alla gara asiatica, Vettel predica calma, cercando di mantenere la giusta dose di concentrazione. “Se siamo più tesi o più tranquilli? Nessuna delle due cose. Cerchiamo di fare al meglio il nostro lavoro e ovviamente vogliamo farlo bene. Ci mettiamo noi stessi pressione per essere all’altezza delle aspettative. Le ultime due gare sono andate bene, ma è inutile guardare indietro. Abbiamo imparato dal passato e cercheremo di mettere in pratica ciò che abbiamo capito. Ma qui le condizioni sono diverse e la pista è piuttosto unica”, ha spiegato il tedesco della Rossa di Maranello ai microfoni di Sky Sport. Vettel ha precisato come, con la Cina, cambino le condizioni e di conseguenza il team sarà obbligato a fare scelte differenti sotto svariati punti di vista: “Cambia il bilanciamento della monoposto, cambia la scelta delle gomme: siamo davanti a situazioni nuove, ma nel complesso dovremmo andare bene. Forse è più difficile fare previsioni, quindi dobbiamo avere pazienza”.

Kimi Raikkonen, invece, è tornato a parlare dell’incidente ai box dello scorso Gp, nel corso del quale il meccanico Francesco Cigarini ha subito la frattura di tibia e perone: “Non credo sia una questione di fortuna, non ci si può affidare alla fortuna e non ha nulla a che vedere con essa. È stato un errore che ci è costato tanti punti e non mi ha fatto finire la gara”, ha spiegato il finlandese, che ha aggiunto: “Quello cinese è un tracciato completamente diverso rispetto ai precedenti e credo che sarà questo a fare la differenza”.

  •   
  •  
  •  
  •