Formula 1, GP China. Hamilton: “Basta perdere punti preziosi”

Pubblicato il autore: Davide Corradini Segui

Il terzo appuntamento del mondiale di Formula 1 dovrà segnare un’interruzione della striscia di vittorie Ferrari ha assicurato Lewis Hamilton durante un intervista. Inoltre confida nel tracciato favorevole ma avverte: “dovremo migliorare le comunicazioni.

ABU DHABI, UNITED ARAB EMIRATES - NOVEMBER 23: Lewis Hamilton of Great Britain and Mercedes GP talks in the Drivers Press Conference during previews for the Abu Dhabi Formula One Grand Prix at Yas Marina Circuit on November 23, 2017 in Abu Dhabi, United Arab Emirates. (Photo by Clive Mason/Getty Images)

Foto Getty Images © scelta da SuperNews

Archiviato il GP Bahrain della scorsa settimana, che ha visto Sebastian Vettel e la sua Ferrari vincere la tappa, Lewis Hamilton ha rilasciato alcune interviste in vista del prossimo impegno internazionale, quello che si svolgerà a Shangai, dove le Mercedes dovranno – a tutti i costi – vincere per interrompere le striscie di vittorie della Scuderia Ferrari.

“E’ sempre stata una buona pista, spero davvero di poter risalire la scala e tornare nelle posizioni per le quali abbiamo lavorato nelle ultime due gare. Arriveranno cose interessanti, ma sono 17 punti dietro e non posso permettermi di perderne ancora da Sebastian“. Questa le sue prime parole. Sono analisi della strategia adottata in gara caratterizzate dall’ ”avrebbe potuto”. Spingere di più Hamilton in Australia per non essere tagliato fuori da Vettel, con l’attenuante di un software di simulazione tutt’altro che affidabile. In Cina, dunque, non è consentito steccare un’uscita che si annuncia favorevole.

Il ragazzo, nell’ ultima gara (GP Bahrain), ha dovuto subire delle comunicazioni via radio disturbate e, del quadro complessivo che si sviluppava davanti, ha registrato appena il passo da mantenere nel secondo stint. Un disappunto che ha manifestato al giro n. 46, quando ormai la strada per le Ferrari era già spianata.

Hamilton non si è limitato qui, ed è tornato a parlare degli episodi di domenica scorsa, aggiungendo alcune parole un po aspettate: “Le differenze sono molto limitate adesso: si ingigantisce l’importanza della comunicazione e tutti questi piccoli dettagli possono fare la differenza tra avere sette punti in più o no. Non possiamo permetterci di perdere nessuna gara dalla Ferrari, dovremo porci nella condizione nella quale non siamo solo competitivi nelle operazioni legate alla macchina, ma anche in gara”.

Insomma, il ragazzo ha detto la sua, e come per ogni intervista ha finito il discorso, dicendo che la strategia in Bahrain è stata grandiosa ma, perché funzioni, dovremo assicurarci che tutti comprendiamo allo stesso modo cosa dobbiamo fare. Se non sei a conoscenza di quel per cui sei in lotta, è difficile guidare. Ci siederemo e discuteremo le ultime due gare. Ci sono piloti che preferiscono avere feedback differenti, alcuni preferiscono riceverne più di altri, se ascoltate i miei team radio nel corso degli anni non amo avere una tonnellata di informazioni, ma ci sono fasi nelle quali hai bisogno di averne di più. Dovremo lavorare per migliorare su questo aspetto, con tutti gli ingegneri e chiunque è coinvolto”.

Hamilton è pronto a far vedere chi è veramente, tocca adesso alla Scuderia Ferrari far sì che sono loro invece i più forti al momento! Una cosa è certa: appuntamento al prossimo GP Cina, naturalmente in diretta su SuperNews!

  •   
  •  
  •  
  •