Test F1 Hungaroring, Russell e la Mercedes davanti ma la Ferrari impressiona con le soft

Pubblicato il autore: Enrico Salvi Segui

Foto originale Getty Images © selezionata da SuperNews

Continua la tiratissima sfida tra Mercedes e Ferrari. Dopo il giro record fatto segnare da Antonio Giovinazzi nella giornata di martedì, il secondo e ultimo giorno di test sul circuito dell’Hungaroring ha visto la pronta risposta della Mercedes con il campioncino di casa George Russell. Il britannico classe ’98, dopo essersi concentrato sul ritmo nella prima giornata, ha chiuso i test ungheresi col tempo di 1:15.575, fatto con le gomme hypersoft. E’ riuscito così ad abbassare di 73 millesimi il record (sempre non ufficiale, visto che non siamo in un weekend di gara) di Giovinazzi.

La Ferrari non è stata a guardare, anzi. Kimi Raikkonen segue da vicino Russell con il tempo di 1:15.649, sempre con le hypersoft, a meno di un decimo dal britannico e a un millesimo soltanto dal record suddetto del pilota italiano. Ma il finlandese ha fatto la differenza lavorando sul passo e sulla distanza, compiendo 131 giri in totale (lo stachanovista di oggi insieme alla Red Bull di Dennis) e mettendo a segno una serie di giri molto veloci con la soft, la mescola che la Ferrari non fa lavorare bene in gara. Sono dati che per il Cavallino torneranno utili in vista del finale di stagione.

Al terzo posto c’è proprio Jake Dennis, che ha chiuso la sessione a 1″4 da Russell. Anche per la scuderia austriaca ci sono importanti indicazioni, soprattutto dal punto di vista dell’affidabilità, vero tallone d’Achille fino ad ora. Infatti i 131 giri (quasi due Gran Premi) compiuti senza problemi fanno ben sperare per il prosieguo della stagione.

Antonio Giovinazzi, salito quest’oggi sull’Alfa Sauber, si è preso il quarto posto, con un tempo di quasi due secondi superiore a quello del leader (1:17.558) e completando ben 120 giri. Alle sue spalle Nikita Mazepin con la Force India, autore anche di due testacoda che hanno causato lo stop momentaneo alla sessione. Sesta posizione per Robert Kubica, distanziato di quasi 3 secondi ma con gomme ultrasoft: per la sua Williams giri anche con la nuova ala anteriore prevista per il 2019. In settima e ottava posizione Lando Norris (McLaren), che ha girato con gomme soft, e il rookie Markelov su Renault.

Oltre alla Williams, anche la Toro Rosso ha provato questa soluzione aerodinamica con Sean Gelael. Inoltre, la casa di Faenza come ieri ha fatto girare una seconda vettura che montava prototipi particolari di Pirelli, per raccogliere dati utili alla progettazione delle mescole che verranno utilizzate l’anno prossimo. In pista per questi test particolari al mattino Brandon Hartley e al pomeriggio Pierre Gasly.

Archiviata questa due giorni di test, è arrivato il momento delle vacanze estive per piloti, tecnici e meccanici. Si tornerà a fare sul serio l’ultimo weekend di agosto con il Gran Premio del Belgio, sull’affascinante circuito di Spa-Francorchamps.

Di seguito, il resoconto completo dei risultati della giornata di test all’Hungaroring

1) George Russell, Mercedes (hypersoft) – 1:15.575, 116 giri
2) Kimi Raikkonen, Ferrari (hypersoft) – 1:15.649, 131 giri
3) Jake Dennis, Red Bull (hypersoft) – 1:17.012, 131 giri
4) Antonio Giovinazzi, Sauber (hypersoft) – 1:17.558, 120 giri
5) Nikita Mazepin, Force India (hypersoft) – 1:17.748, 51 giri
6) Robert Kubica, Williams  (ultrasoft) – 1:18.451, 103 giri
7) Lando Norris, McLaren (soft) – 1:18.472, 73 giri
8) Artem Markelov, Renault (hypersoft) – 1:18.496, 108 giri
9) Sean Gelael, Toro Rosso (hypersoft) – 1:19.046, 122 giri
10) Pierre Gasly, test Pirelli (Toro Rosso) – 1:19.790, 75 giri
11) Brandon Hartley, test Pirelli (Toro Rosso) – 1:20.221, 67 giri

  •   
  •  
  •  
  •