Marquez-Lorenzo, il GP di Aragon antipasto della rivalità nel prossimo Motomondiale

Pubblicato il autore: Francesco Fiori Segui

Marc Marquez – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Al momento della firma di Jorge Lorenzo con la Honda in molti hanno pensato: “Lui e Marquez insieme? Se le daranno fin dalla presentazione“. Ebbene, i due campioni (6-5 nei titoli a favore di Marc) sono già riusciti a smentirci, finendo a male parole (quelle di Jorge) già dal 2018, antipasto dell’anno prossimo in cui saranno scintille.L’antipasto si è avuto ieri al GP di Aragon. Secondo Lorenzo il suo gran premio è stato reso inutile da un’entrataccia di Marquez in stile calcistico, un tackle che ha costretto il maiorchino ad allargare la traiettoria finendo prima nello sporco e poi, causa accelerazione, spedito in aria in uno spettacolare high side.

Che Marquez abbia uno stile tutto suo, un mix tra irruenza e kamikaze, è risaputo, ma ciò che colpisce in Lorenzo è l’ingenuità di dar cavalli alla sua super Ducati sapendo di essere nella parte ostica della pista. Per tutta risposta non arriva nessuna replica da Marquez, al settimo cielo dopo la vittoria numero sei in campionato, con un +72 punti su un Dovizioso splendido protagonista del gran premio di Aragon, con 15 sorpassi col capofila del mondiale ed una resa negli ultimi due giri a causa del degrado della gomma dura.

Leggi anche:  La F1 contro i cambiamenti climatici. Jean Todt: "A breve annuncio sull'idrogeno"

Chi invece è spettatore triste della “garra” tutta spagnola è Valentino Rossi, ormai tristemente sprofondato nella crisi Yamaha da cui non si vede la luce e neanche un briciolo di sviluppo in chiave 2019.Il sorriso all’italiana fa invece parte di Iannone, che gossip a parte riesce a farsi notare anche come pilota, ammettendo onestamente di aver copiato l’intero settaggio di Rins e poi abile nell’arrivare terzo con la Suzuki, dietro le inarrivabili Honda e Ducati.

Il palcoscenico però è tutto per loro, Marquez e Lorenzo, Lorenzo e Marquez, due galli in un futuro, stesso, pollaio. La guerra inizia qui con Jorge che la butta lì delicatissimo:“Non lo deve fare mai più, altrimenti anch’io in futuro cambierò stile di guida“. Preparate i pop corn per il 2019.

  •   
  •  
  •  
  •