Rinviato il GP d’Australia. Slitta l’inizio del mondiale di F1

Pubblicato il autore: Daniele Conti Segui


Era tutto pronto a Melbourne per l’inizio della stagione, invece l’inizio del mondiale di Formula 1 è stato rinviato a poche ore dal via del Gran Premio d’Australia. Il fatto che ha convinto l’organizzazione a posticipare lo start è stata la positività di due membri della McLaren. I protocolli stringenti avrebbero costretto la scuderia di Woking alla quarantena totale, impedendo di fatto ai due piloti la disputa della tappa oceanica. In un clima reso già surreale dalle norme igieniche da rispettare, nessuno si è sentito di protestare per una decisione che forse andava presa prima di far spostare l’intera carovana.

Quando partirà il mondiale?

A questo punto i dubbi sul restart ufficiale della stagione si moltiplicano. In Asia la pandemia non sta dando sosta, flagellando tantissimi paesi che avrebbero dovuto ospitare dei gran premi nella prima parte dell’anno. La rinuncia della Cina potrebbe essere seguita a breve anche da altre organizzazioni, col serio rischio di rendere mondo il programma con cancellazioni al posto di rinvii.

A rischio la regolarità del campionato?

Ci sono già tantissime voci che parlano di mondiale a rischio in base ai regolamenti. Gli esperti delle norme già complesse che regolano la Formula 1 parlano di campionato non regolare se dovesse saltare l’intera trasfera asiatica. Affinché i risultati possano essere omologati si deve infatti correre in almeno 3 continenti. Ad oggi è presto per ipotizzare scenari catastrofici, anche se i margini si farebbero ristretti in caso di lockdown mondiali prolungati.

  •   
  •  
  •  
  •