Guidotti: “Iannone in Pramac? Perché no…”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui

Francesco Guidotti, team manager della Pramac di MotoGp ha parlato ai microfoni di Sky, commentando la situazione del team resa difficile dalla sospensione forzata del Mondiale e del mercato piloti, sempre molto attivo nonostante la situazione d’emergenza. Guidotti ha più volte rimarcato di essere soddisfatto dei propri piloti, ma ha lasciato uno spiraglio per un possibile ritorno di Andrea Iannone, ora attualmente all’Aprilia.
Iannone in attesa di conoscere il responso del Tas di Losanna sul caso doping, è in scadenza di contratto con l’Aprilia e sembra difficile che il team se lo lasci scappare, come riferito da Guidotti durante la sua intervista a Sky: “Penso che lui, al momento, stia bene dov’è. Aprilia si è resa conto di aver bisogno di lui, si è resa conto che è un pilota forte, veloce. Non penso se lo lascerà scappare. Da parte nostra c’è un legame affettivo molto forte, perché abbiamo vissuto due anni intensi. Se si presentasse l’occasione ne discuteremmo volentieri” rivela il team manager della Pramac.

Iannone non ha mai nascosto il suo rammarico per aver lasciato la Ducati, una moto con cui iniziava ad ottenere feeling. Le strategia del team, però, sono chiare come afferma Guidotti: “Noi siamo prevalentemente orientati sui giovani – confessa Il team manager della Pramac -, Iannone verrebbe da trentenne, ma storicamente gli vogliamo bene: se ci trovassimo nella condizione che a noi manca un pilota e lui è alla ricerca di una moto, si potrebbe anche fare“.

Guidotti su “The Maniac” aggiunge: “E’ chiaro che con lui, a differenza di altri, non abbiamo raccolto i frutti del lavoro perché nei due anni che è stato con noi eravamo in una situazione tecnica molto difficile, la Ducati non era competitiva come lo è oggi. Sarebbe bello chiudere il cerchio con Andrea. Lui ha preso la sua strada, ma resta comunque un legame“. Nel 2013-2014 Iannone si è trovato su una moto ancora poco matura rispetto ad oggi, con la Desmosedici sicuramente pronta ad ambire alle prime posizioni: “La voglia di fare qualcosa insieme è rimasta – conclude Guidotti -, se dovesse succedere di fare qualcosa insieme, nessuno vieta di concludere“.

  •   
  •  
  •  
  •