MotoGp, la stagione riprende a Jerez

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui

E’ quasi ufficiale, la MotoGp scalda i motori e si prepara a ripartire. Il Mondiale ripartirà da Jerez, con una doppia data, la prima il 19 Luglio, la seconda il week-end successivo, il 26 luglio. E’ stato trovato quindi l’accordo con il governo regionale dell’Andalusia, con il consiglio cittadino e la Dorna che si sono riuniti per trovare una soluzione per far ripartire in sicurezza la MotoGp. Ora la palla passa nelle mani del governo spagnolo che dovrà decidere in base all’andamento della pandemia da Covid-19. L’annuncio è arrivato direttamente da Juan Martin, vicepresidente della Giunta di Andalusia: “Abbiamo raggiunto un accordo con il sindaco di Jerez, Mamen Sànchez, e Carmelo Ezpeleta, CEO della Dorna“. Stesso discorso vale anche per il Mondiale della Superbike, che vedrà l’avvio il 2 Agosto.

Un paddock ridotto – Sembra, quindi, quasi tutto fatto per la ripresa della MotoGp, con le dovute precauzioni e modifiche che comporta la situazione. Come si era previsto all’inizio, le gare si svolgeranno a porte chiuse, quindi senza i tifosi ad incitare i propri idoli sugli spalti dei circuiti. Nel paddock si troveranno soltanto pochissimi addetti ai lavori, il minimo indispensabile: oltre ai piloti ci saranno meccanici ed ingegneri di ogni squadra, per un totale di 1.500/2000 persone presenti sul circuito. Inoltre per quanto riguarda i giornalisti, non è prevista la loro presenza, se non i tecnici che dovranno trasmettere le gare in diretta e qualche fotografo

Calendario stravolto – Nel programma stilato da Carmelo Ezpeleta, CEO della Dorna, si prevede che il Motomondiale inizi con queste due gare a Jerez a luglio, per poi continuare sui circuiti europei, andando a formare un calendario composto da 10/12 gare. Tutti gli eventi sono stati cancellati o rinviati a causa della pandemia, per questo motivo il progetto di Ezpeleta prevede che in ogni circuito si svolta una doppia data, in modo da raggiungere le 10/12 gare indispensabili per lo svolgimento del Mondiale. In questo senso, Dorna sta anche tenendo colloqui con il circuito di Barcellona, con la possibilità di disputare due gare in due weekend consecutivi anche a Montmeló.

Le gare di Jerez – Il Circo a 2 ruote arriverà a Jerez con due settimane di anticipo, e cioè ai primi di luglio. “Resteranno qui un mese e mezzo, se ne andranno a metà agosto“afferma l’amministratore andaluso. La difficoltà maggiore che l’organizzazione dovrà affrontare è quella di portare a Jerez i membri del paddock che vivono fuori dall’Europa, anche se se la prima gara sarà confermata per il 19 luglio avranno due lunghi mesi di tempo per risolvere la questione.

  •   
  •  
  •  
  •