F1 Austria Gp: Ferrari a podio con Charles Leclerc nel gran premio dei sopravvissuti

Pubblicato il autore: Francesca Manes


F1 Austria Gp. La Ferrari chiude il primo gran premio stagionale in Austria con l’incredibile secondo posto di Charles Leclerc e il decimo posto di Sebastian Vettel. Nessuno avrebbe osato sperare tanto alla vigilia di questo gp viste le prestazioni deludenti delle Rosse di Maranello, ma un po’ di fortuna e la bravura del giovane talento di casa Ferrari hanno regalato un finale sorprendente. Nonostante il risultato sia buono, il bilancio per Ferrari non può considerarsi positivo. Le vetture rosse non sono competitive e durante il gran premio più volte il limite della power unit è emerso prepotentemente. Manca la velocità sul dritto e c’è tanto lavoro da fare, ma questo inizio fortunato può aiutare a sollevare il morale del team.

F1 Austria Gp: La gara di Charles Leclerc

Quello dell’Austria è stato il “gran premio dei sopravvissuti” con tanti incidenti e ben tre Safety Car. Su venti piloti soltanto undici hanno tagliato il traguardo e molti dei ritiri sono stati causati da problemi tecnici. La Ferrari ha indubbiamente tratto beneficio da questa situazione, in particolare con Charles Leclerc. Partito dalla settima posizione, Charles ha chiuso il suo gp in terza posizione che poi è diventata seconda, grazie alla penalità subita da Lewis Hamilton a causa dell'”incidente” con Albon al giro 61. Un gran premio affrontato con lucidità dal monegasco che ha saputo gestire la sua corsa e poi cogliere le occasioni che si sono presentate portando a termine due bellissimi sorpassi. Al giro 64/71 Leclerc ha sopravanzato con una gran staccata Lando Norris su Mclaren guadagnando la quarta posizione. Al giro successivo, Charles ha attaccato abilmente e superato la Racing Point di Sergio Perez portandosi in terza posizione. Pur avendo una monoposto non performante, il pilota Ferrari ci ha messo del suo arrivando quasi a fare quei miracoli che ieri lui stesso aveva giudicato impossibili.

Queste le parole di Charles al termine del gran premio

Leggi anche:  F1, Checo Perez vince il GP Singapore: ecco la decisione della FIA - FOTO

Credo che abbiamo fatto tutto alla perfezione oggi, ma onestamente per concludere al secondo posto abbiamo avuto anche un po’ di fortuna con il problema di Lewis (Hamilton) e qualche incidente qua e là…è stata una gara molto movimentata…Ma l’obiettivo era proprio questo cogliere ogni opportunità che si fosse presentata anche se il passo per concludere in questa posizione non ce l’avevamo. Sono assolutamente soddisfatto di questo secondo posto, abbiamo ancora tanto lavoro da fare e siamo troppo lontani…non siamo dove volevamo essere…ma tutto è possibile, dobbiamo continuare a rimanere forti a livello mentale come team e lavorare tutti insieme. Penso che torneremo dove vogliamo, ma ci vorrà del tempo.
A proposito dei fantastici sorpassi in pista.
Volevo essere aggressivo perché faticavo dopo la curva uno anche nella curva tre e sapevo che non c’erano opportunità per me qui, ma sapevo che se ci fosse stato un errore da parte di qualcuno l’opportunità si poteva presentare. Lando (Norris) a un certo punto ha rallentato lottando con Sergio (Perez) e ho sfruttato quella occasione e un’altra capitata poi con Sergio. E’ stata dura, ma mi sono divertito.

L’altra metà del box Ferrari: le dichiarazioni di Vettel al termine del gp


Al di là delle difficoltà dovute alla monoposto, la gara di Sebastian Vettel è stata meno brillante rispetto a quella del suo compagno di squadra. Il tedesco ha chiuso decimo e si è anche girato al giro 30/71 nel tentativo di superare Carlos Sainz che era in lotta con Leclerc in quel momento.
Queste le sue parole ai microfoni di Sky:

Leggi anche:  F1, Checo Perez vince il GP Singapore: ecco la decisione della FIA - FOTO

Sono contento di essermi girato soltanto una volta perché oggi era veramente difficile, siamo arrivati molto vicini io e Carlos, lui si è spostato sull’interno, io ero proprio al limite perché volevo arrivare il più vicino possibile, ho perso il posteriore, ma onestamente l’ho perso un paio di volte come ho detto sono contento di essermi girato solo una volta. La macchina era molto difficile da guidare, io ho fatto il massimo. 

  •   
  •  
  •  
  •