F1, Gp Portogallo: Ferrari quarta con Leclerc e decima con Vettel, le dichiarazioni dei due piloti.

Pubblicato il autore: Francesca Manes Segui


F1, Gp Portogallo | Non sono tempi facili per la Ferrari e in un momento tanto buio anche una piccola luce può giovare all’umore e fare la differenza. Oggi, sul circuito di Portimao abbiamo visto una Ferrari che, sebbene fosse sempre in difficoltà, era più a suo agio del solito. Dopo tanti aggiornamenti che non avevano evidentemente funzionato, sembra che le piccole migliorie portate in Portogallo abbiano sortito l’effetto sperato.  Piccoli passi certo, ma vedere Charles Leclerc che conclude quarto, senza grossi aiuti del destino, una gara sembrava impossibile fino a due settimane fa. Dopo un inizio faticoso in cui la SF1000 non riusciva a portare a temperatura gli pneumatici, il monegasco è stato autore di una gara consistente caratterizzata da un’ottima gestione della monoposto e diversi sorpassi. E’ stato quasi incredibile vedere la Ferrari compiere dei sorpassi nonostante i ben noti limiti della vettura e ad un certo punto sembrava addirittura lecito sperare nel gradino più basso del podio. La velocità della Red Bull di Max Verstappen ha riportato tutti con i piedi per terra rendendo impossibile questo traguardo, ma il bilancio tutto sommato può dirsi positivo. Dall’altra parte del box le cose non sono andate così bene e questo elemento rende difficile ogni tentativo di analisi.  Sebastian Vettel, infatti, ha faticato molto e infine ha concluso in decima posizione la sua gara. Un bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto a seconda della prospettiva o meglio della parte del box Ferrari che si sceglie di considerare.

Leggi anche:  F1, brutto incidente al via e Grosjean vivo per miracolo. Ecco i dettagli

F1, Gp Portogallo: Charles Leclerc: ” E’ andata bene, sono contento e fiero del mio team”.

Intervistato da Sky Sport F1, Charles Leclerc ha ripercorso la sua gara e si è detto soddisfatto del risultato e della performance. Ecco le sue parole:
“Non avevamo messo in conto le difficoltà con la gomma media, la pioggia è arrivata allo stesso momento e abbiamo fatto una fatica grandissima. Ma siamo rimasti pazienti e, alla fine, questo ha pagato perché dopo aver messo la gomma in temperatura abbiamo sorpassato e recuperato. Forse abbiamo perso del tempo all’inizio della gara e ho avuto il podio in mente fino ad un certo punto, ma poi Max (Verstappen) era troppo veloce. Sicuramente è stata una gara molto positiva, credo che sia un risultato davvero buono per il team, ma anche per me. Sento di avere un push di fiducia in più soprattutto in gara. L’ultima gara è stata difficile, abbiamo avuto una buonissima performance in qualifica però dopo abbiamo fatto tantissima fatica in gara e oggi ci aspettavamo delle risposte e credo che le abbiamo avute. E’ andata bene e sono molto contento e fiero del lavoro del team”.

Sebastian Vettel: “E’ una situazione complicata, le sto provando tutte…”.


Altra faccia della medaglia, la performance di Sebastian Vettel. Per gran parte della gara, il tedesco non è stato neanche inquadrato dalla regia internazionale dal momento che lottava a metà classifica. Vettel ha vissuto certamente un gp meno esaltante rispetto al suo compagno di squadra e ha raccontato a Sky la sua gara in questi termini:

Leggi anche:  Formula 1, ecco il futuro di Sergio Perez

Non so se il mio passo di oggi fosse così buono. Per me è stato un gp molto difficile: alcuni giri sono andati bene, ma in generale ci sono stati molti alti e bassi. Ho faticato parecchio. Quest’anno è stato difficile, la macchina per me è stata molto complicata mentre per il mio collega (Charles Leclerc) le cose sembrano andare per il verso giusto. Invece, da parte mia, c’è molta più difficoltà nel mettere le cose insieme. Il primo giro oggi è stato molto complicato per tutti, ma per noi in modo particolare perché non riuscivamo a mettere le gomme in temperatura e avere fiducia nella macchina dopodiché abbiamo recuperato, ma non possiamo essere contenti di un decimo posto. Gli aggiornamenti che abbiamo portato alla macchina negli ultimi gp, dal mio punto di vista, non sono grossi progressi, ma piccole cose. Quindi è più o meno la stessa macchina di inizio stagione. Forse questa pista, per qualche ragione, era più adatta a noi. Abbiamo portato il massimo carico aerodinamico che di solito si adatta particolarmente a questa macchina, probabilmente è questo il motivo per cui siamo andati meglio. Se Charles (Leclerc) guida oltre i limiti della macchina? No, non credo, penso che stia facendo molto bene, ma non sembra che stia guidando oltre la macchina, sta guidando con grande velocità e sembra più a suo agio. Se io spingo di più la macchina finisce fuori pista. E’ una situazione complicata, le sto provando tutte con i miei ingegneri, ma pur lavorando tanto non stiamo trovando soluzioni. Devo continuare ad essere perseverante e provare a dare il massimo.”

  •   
  •  
  •  
  •