Rosberg ipoteca il titolo a Suzuka

Pubblicato il autore: Massimo Maglietta Segui

Rosberg GP Giappone 2016
Rosberg oggi sul circuito di Suzuka ha ipotecato il titolo piloti. I punti di vantaggio sul compagno di squadra Hamilton ora sono 33 e le gare alla fine del mondiale sono solo 4.  La gara di oggi è stata una delle più emozionanti di tutta la stagione. Nelle prime fasi di gara si sono visti molti sorpassi. Sembrava di essere tornati indietro di un bel pò di anni. Eppure alla vigilia avevano detto che questa era una pista dove difficilmente si riusciva a sorpassare. Oggi i piloti erano più aggressivi  del solito. Vettel nei primi giri aveva fatto sognare i tifosi della Ferrari issandosi fino al terzo giro e quindi recuperando quattro posizioni rispetto alla partenza. Se la gara  fosse durata soltanto 20 giri Vettel sarebbe arrivato sul podio. Così non è stato perchè la seconda parte  ci ha raccontato tutta un’altra storia.  Dopo il primo pit stop Vettel non è riuscito a sopravanzare il baby-fenomeno Verstappen e quindi le speranze di tornare sul podio stavano svanendo. Raikkonen con una strategia diversa invece è riuscito a sopravanzare l’australiano della Red Bull Ricciardo e a salire in quinta posizione.  Nel secondo pit-stop di Vettel gli uomini Ferrari hanno provato l’azzardo, rimandando in pista il tedesco con le gomme soft mentre tutti gli altri piloti che si erano fermati prima erano con le hard. Nei primi giri dopo la sosta ha provato a duellare con Hamilton per il terzo posto, ma alla fine il pilota inglese della Mercedes era più veloce sul rettilineo. Vettel si è dovuto quindi accontentare del quarto posto, dopo una gara condotta all’attacco. Le ultime emozioni le hanno regalate Hamilton e Verstappen che negli ultimi quattro giri hanno ingaggiato un bellissimo duello per la seconda posizione. Nessuno dei  due aveva intenzione di mollare. Però a due giri dalla fine Hamilton va a lungo e dice addio alla possibilità arrivare secondo. Comunque per il pilota della Mercedes, dopo la brutta partenza che lo aveva fatto scendere in settima posizione il gradino più basso del podio è comunque un buonissimo risultato.  Certo, finendo alle spalle del compagno di squadra Rosberg sarebbe stata un’ulteriore iniezione di fiducia per il finale di stagione. La delusione di questo GP è stata la McLaren. Sul circuito di proprietà della Honda Alonso e Button speravano in una gara diversa. Per i due ex campioni del mondo è stata una gara anonima conclusa al sedicesimo e al diciottesimo posto.  La zona punti poteva essere un obiettivo realistico per i piloti motorizzati Honda.  Una gara un pò sottotono anche per l’australiano della Red Bull Ricciardo che chiude in sesta posizione senza mai riuscire ad avere il passo del compagno di squadra Verstappen sempre più baby-fenomeno della F1. Buonissima gara per la Force India che riescono a finire la gara con entrambi i piloti in zona punti. Bella gara anche di Grosjean che con la sua Hass chiude la gara a meno di un secondo dalla decima posizione di Bottas. Le prossime gare sono Austin in Texas, Città del Messico, San Paolo in Brasile e Abu Dhabi. Non sappiamo se queste ultime  gare saranno favorevoli a Rosberg o a Hamilton. Ora per il tedesco della Mercedes anche i secondi e i terzi posti potranno andare bene in ottica campionato. Il mondiale può perderlo soltanto Rosberg.

  •   
  •  
  •  
  •