Formula 1, Kubica a un passo dal ritorno. Il polacco vicino alla Williams

Pubblicato il autore: Francesco Fiori Segui

Foto Getty Images© scelta da SuperNews

In una Formula Uno che perde un Fernando Alonso potrebbe esserci un graditissimo ritorno per il 2019, quello di Robert Kubica, ad un passo dall’esser pilota ufficiale della nobile decaduta Williams.
Ad 8 anni dall’incidente nel rally di Andora e con un polso limitato nei movimenti il polacco di Cracovia, classe 1984, riabbraccia un sogno che ha inseguito con tutte le forze, tornare in Formula Uno.

Destino beffardo quello per Robert, che quel rally lo corse con una prestigiosa firma in tasca, quella con la Ferrari che gli aveva promesso un sedile per la stagione 2012, matrimonio mai nato a causa di un maledetto guard rail che il 6 febbraio 2011 squarcia la Skoda Fabia del polacco devastando il braccio destro e la mano, ricostruita con 7 ore di intervento.

Leggi anche:  Formula 1, svolta in casa Ferrari: ecco l'annuncio importante in merito alla monoposto

All’inizio facevo fatica ad accettarmi – disse Kubica a SportWeek l’inverno scorso – non accettavo il mio braccio destro. E’ brutto andare la sera a letto rifiutando una parte di te“.
Così arrivò il rally, unico modo per Kubica di non fare il paragone con il vecchio Robert e non sentirsi diverso. Il richiamo però della Formula Uno è sempre stato fortissimo, con un qualcosa di lasciato a metà, in una carriera che ha visto il polacco subire un botto tremendo nel gp di Canada 2007 (sostituito nella successiva gara da un giovanissimo Sebastian Vettel) per poi vincere l’anno successivo proprio quel gran premio.
Non sarà la vettura top del circo della Formula Uno, una Williams lontana anni luce dai fasti di Mansell, Prost, Hill e Villeneuve, tanto che il patron Frank lo scorso anno preferì i rubli di Sergei Sirotkin, lasciando a Robert la determinazione di battere i titolari nei test del venerdì.

Leggi anche:  Formula 1, svolta in casa Ferrari: ecco l'annuncio importante in merito alla monoposto

Fame e ambizione che faranno assistere ad un ritorno nello sport uguale a quello di Alex Zanardi che prima per scommessa e poi per sfrenata ambizione lo fecero tornare al motorsport, con i giri finali percorsi a tutta nell’ostico Lausitzring fino alla leggenda dell’ironman.
Oggi Kubica ha anche inventato un nuovo modo di guidare, considerando lo spazio ridotto in abitacolo e la poca libertà di manovra, ma quello che sembrava un ostacolo insormontabile diventa ora leggenda. “Ho imparato che i limiti più grandi sono nella nostra testa. Se riusciamo a rimuoverli, niente è impossibile“. Parole di Robert Kubica, pilota Williams per il 2019.

 

  •   
  •  
  •  
  •