Sprint Race: la nuova proposta della FIA che non piace ai piloti

Pubblicato il autore: GennaroIannelli Segui

Il mondiale di Formula uno dovrebbe finalmente partire con un doppio appuntamento sul circuito del Red Bull Ring (Austria) il prossimo 5 e 12 luglio. Una soluzione “anomala” imposta dalla pandemia Covid-19 che ha costretto gli organi internazionali a rivedere il calendario del Circus. Ed è proprio in questo contesto “eccezionale” che la FIA potrebbe dare seguito ad alcune proposte che sono sul tavolo da tempo. ma non hanno ancora avuto modo di essere applicate.

Una di queste è la Sprint Race, un nuovo format di qualifica che nelle intenzioni dei vertici Federali dovrebbe garantire maggiore spettacolarità, e anche maggior equilibrio, alla tre giorni di gara. Si tratta sostanzialmente di una “gara veloce”, da disputarsi al sabato in sostituzione delle classiche qualifiche, con ordine di partenza invertito rispetto a quella che è la classifica mondiale. I risultati di questa gara andrebbero poi a determinare la griglia di partenza del GP effettivo.

Sprint Race, un formula che non scalda i piloti

La FIA starebbe pensando di introdurre la Sprint Race già dal GranPremio che si correrà in Austria il prossimo 12 luglio. Questo per rendere più incerta una gara che, in quanto giugerà ad essere il secondo appuntamento su uno stesso circuito, a pochi giorni di distanza, rischierebbe di produrre i medesimi risultati della prima corsa (soprattutto a parità di condizioni meteo). Ciò a discapito dello spettacolo e della imprevedibilità che la F1 vuole garantire ai propri tifosi.

Nonostante ciò, la formula della Sprint Race non scalda affatto gli animi dei piloti. Già lo scorso anno, quando si era cominciata ad avanzare questa ipotesi, Vettel ed Hamilton si erano espressi con toni poco concilianti: “Chi ha pensato alla Sprint Race non deve mai essere sceso in pista, non sa di cosa sta parlando, aveva detto il britannico, mentre Vettel era stato ancora più tranchant definendo il format “Una stron..ta“.

Vedremo se la FIA deciderà comunque di adottare la Sprint Race come format di qualifica e quale sarà l’impatto che essa avrà sulle gare del circus.

  •   
  •  
  •  
  •