Vettel, senti Verstappen: “Lui compagno? Nessun problema”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


E’ finalmente ritornata in pista la Formula 1, che ha aperto le danze con la il GP d’Austria il 5 luglio e che ha visto trionfare Bottas a bordo della Mercedes, seguito da Leclerc, che ha disputato una gara formidabile con la Ferrari, e Norris sulla Mercedes. In questo primo Gp della stagione si è assistito al flop di Lewis Hamilton, campione in carica, che ha terminato al gara quarto, anche se il flop più pesante lo ha fatto registrare Sebastian Vettel che, complice anche un testa a coda, ha terminato la gara decimo.

Proprio Sebastian Vettel era l’osservato speciale di casa Ferrari, in quanto le settimane scorse è arrivata l’ufficialità del suo addio alla monoposto del cavallino, facendo spazio a Carlos Sainz che in questo Gp ha terminato la gara quinto con la monoposto della McLaren. Si è parlato molto del suo futuro, con molte scuderie che si contendono il quattro volte campione del mondo. Tra le tante pretendici del tedesco c’è anche la Red Bull, ex scuderia di Vettel con la quale ha vinto i suoi 4 mondiali tra il 2010 e il 2013. Verstappen, pilota principale della scuderia, si è espresso alla tv austriaca su un possibile ritorno del ferrarista Vettel, dichiarando: “Ho avuto Daniel Ricciardo come compagno di squadra, e penso che sia andata bene. Ma alla fine non sono io a decidere. Io non ho mai lavorato con Sebastian, dunque non ho idea di come potrebbe essere. Ma non penso possano esserci problemi. Tutti i piloti che arrivano in Formula 1 vogliono vincere“. Il pilota olandese, che nel primo Gp della stagione si è ritirato a causa di un problema tecnico, ha poi voluto sottolineare che: “Alla fine ci sono molti buoni piloti, ma conta più la macchina del pilota. Negli ultimi 5 anni in tanti avrebbero vinto il campionato guidando una Mercedes” conclude nella sua intervista.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Ferrari, Carlos Sainz a Maranello: "Pomeriggio proverò la macchina al simulatore per la prima volta".