F1, la Ferrari tocca il fondo: ecco i momenti che svelano i problemi della Rossa

Pubblicato il autore: Mattia DElia Segui


Dopo aver dominato le qualifiche del sabato, Lewis Hamilton ha vinto in solitaria il Gran Premio del Belgio. Pole Position e vittoria numero 89 in carriera per il pilota britannico, anche se con qualche brivido negli ultimi giri dovuto alla gestione gomme. Hamilton precede ancora una volta il compagno di squadra Valtteri Bottas e Max Verstappen. Ottimo weekend per Daniel Ricciardo, che chiude al quarto posto e nell’ultimo giro è riuscito anche a strappare il giro veloce a Lewis Hamilton. Ferrari che invece tocca il fondo: mai così male in tutta la sua storia e che chiude tredicesima con Sebastian Vettel e quattordicesima con Charles Leclerc. Da notare che la Rossa sul circuito di Spa-Francorchamps non era mai finita fuori dalle prime 10 posizioni, le uniche volte è stato per pioggia o per problemi tecnici. Ecco di seguito i momenti del Gran Premio che svelano i problemi della Rossa.

I momenti chiave che svelano i problemi della Ferrari

I momenti clou della Ferrari(in negativo) per capire il senso del Gran Premio del Belgio sono tre. Il primo momento è lo show di Charles Leclerc nei primi due giri che crea false illusioni: il pilota monegasco riesce a recuperare cinque posizioni in un solo giro e crea un sorpasso mai visto a Spa. Charles passa Gasly alla esse, in uno spazio inesistente (meno di 10 metri).

Il secondo momento riguarda sempre Charles ed è il calo di prestazione dovuto ad un problema idraulico che gli costa tutte le posizioni guadagnate in precedenza. In questo momento è avvenuto anche la sverniciata di Gasly alla Rossa, con una differenza di 20 km/h in rettilineo (il tachimetro di Gasly si gela a 351 km/h mentre quello di Leclerc a 321 km/h). Altro sorpasso che fa male al cuore dei ferraristi è quello al 17esimo giro: Raikkonen passa Vettel con facilità.

Il terzo momento riguarda il confronto tra Ferrari e Mercedes. Al decimo giro la migliore delle due Ferrari si becca più di mezzo minuto di distacco dalla Mercedes.

L’unica cosa positiva della Ferrari sono i due piloti: sia Sebastian Vettel che Charles Leclerc stanno lottando e dando il massimo con una monoposto quasi da buttare.

  •   
  •  
  •  
  •