Il fascino della velocità

Pubblicato il autore: Simone Pietro SF98 Segui

La Formula 1 riscopre il piacere di gareggiare su circuiti unici e mozzafiato: nessun tracciato cittadino, ma piste ricche di adrenalina e di velocità pura, immerse in cornici sportive di pieno amore e affetto. Liberty Media è stata costretta a correre ai ripari dopo i tanti forfait dati dai vari eventi previsti originariamente, legati ovviamente al Covid-19 e alla conseguente pandemia. Fino a qualche mese fa, il Mondiale 2020 era in forte dubbio, ma ora, grazie a new entry, vecchi ritorni e doppi GP sulla stessa pista, il calendario vanta 17 appuntamenti.

E dopo le meravigliose tappe inaugurali, la Formula 1 si appresta ad affrontare 5 GP inediti, non previsti nel calendario originario delle 22 gare: il Mugello apre le danze, poi il ritorno del leggendario Nurburgring, seguito dall’inedito Portimao, per poi tornare in Italia, sul favoloso e storico circuito di Imola. La lista di circuiti classici o inediti si chiude con Istanbul Park e la sua famigerata Curva 8, altro scenario particolarmente apprezzato da appassionati e piloti, presente nel calendario iridato dal 2005 al 2011.

Sono bastate le FP1 del GP di Toscana disputate questa mattina per lasciare tutti a bocca aperta: basti pensare che nel Paddock di Misano, dove stanno girando le MotoGp per il loro weekend di gara, i piloti hanno speso qualche minuto della loro pausa per vedere le prestazioni delle F1 su uno dei circuiti simbolo per le competizioni a due ruote. Sono rimasti tutti sbalorditi dalla velocità delle monoposto, le quali sono in grado di affrontare a pieno gas spalancato il tratto Casanova-Savelli-Arrabbiata 1 e 2, con velocità che si aggirano sui 270/280 km/h e con valori di G laterali impressionanti, eguagliando quasi i valori registrati nelle Maggots e nelle Becketts di Silverstone.

È triste pensare che tracciati così affascinanti non troveranno spazio probabilmente nei calendari futuri, dando per scontato che la situazione legata al Coronavirus migliorerà e che di conseguenza torino le tappe previste a inizio 2020. Ma lo spettacolo meraviglioso generato dai bolidi del Circus mentre sfrecciano su sezioni magnifiche e conosciute in tutto il mondo del Motorsport non ha veramente eguali.

  •   
  •  
  •  
  •