F1, GP di Melbourne verso il rinvio

Pubblicato il autore: Simone Pietro SF98 Segui

Anno nuovo, stessi problemi: il mondo intero è pronto a iniziare la lunga campagna di vaccinazione che dovrebbe porre fine all’incubo del Coronavirus, ma l’operazione sarà molto lunga e gli esperti affermano che il 2021 sarà comunque pesantemente influenzato dal virus.

Parecchi eventi sportivi sono riusciti a ripartire regolarmente dopo la prima crisi mondiale iniziata nei primi mesi del 2020, non senza compromessi, ma adesso si guarda al futuro con maggiore ottimismo.

La F1 ha stilato il calendario completo per la stagione 2021, portando avanti il progetto ambizioso di organizzare un Mondiale con ben 23 gare, il più lungo di sempre, ma le prime complicazioni non tardano a sbucare fuori: il GP inaugurale di Melbourne, previsto per il prossimo 21 marzo, sembra ormai prossimo al rinvio. Lo scorso anno gli promotori della tappa australiana avevano deciso di far disputare l’evento regolarmente, lasciando perfino le tribune aperte al pubblico, ma a poche ore dall’inizio delle FP1 un caso di positività nel box della McLaren spinse gli organizzatori ad annullare la gara, creando parecchia confusione sia agli addetti ai lavori, arrivati all’Albert Park già da qualche giorno, sia alle migliaia e migliaia di persone che aspettavano impazienti fuori dai cancelli del circuito.

A distanza di un anno, l’Australia ha completamente cambiato approccio, ponendo misure molto restrittive, tra cui una quarantena di 14 giorni da sottoporre a tutti coloro che sbarcano nel Paese dei canguri.

Per il Paddock una soluzione simile sarebbe impossibile da seguire, visto il tempo ristretto che separa i test di Barcellona con le prime prove libere del weekend inaugurale; il governo australiano non sembra essere intenzionato a scendere a compromessi e gli organizzatori del GP di Melbourne non vogliono replicare il confuso scenario visto nei giorni che hanno preceduto l’edizione cancellata del 2020.

Va dato merito all’Australia di aver gestito in maniera egregia la crisi, considerando che in questo momento in tutta la nazione si contano solo 279 casi e “solo” 909 decessi a causa del Covid, ma per ottenere risultati simili sono state prese decisioni molto drastiche, tra cui il rinvio degli Australian Open e una salvaguardia del Paese tutt’altro che permissiva.

A questo punto sembra inevitabile la posticipazione del GP di Melbourne: la decisione definitiva dovrebbe arrivare nelle prossime 2 settimane, visto che per organizzare l’evento programmato per il 21 marzo i promotori dovrebbero iniziare ad allestire il tracciato dell’Albert Park entro fine gennaio, ma numerosi fonti danno ormai per certo che la tappa australiana sarà collocata in uno slot nella seconda metà del campionato, aspetto che potrebbe comportare un rimescolamento del calendario iridato.

In attesa di ulteriori sviluppi, l’alba della Mondiale 2021 di F1 dovrebbe slittare al 28 marzo con il GP del Bahrain, ma trovare uno spazio per il GP d’Australia non sarà affatto semplice visto l’affollato elenco di gare presenti dopo la pausa estiva, motivo per il quale è lecito aspettarsi una scombussolamento delle date confermate qualche settimana fa per gli altri 22 GP.

 

 

 

  •   
  •  
  •  
  •