MotoGP 2016: ecco le concessioni ufficiali

Pubblicato il autore: Jessica C Segui

165181.middleGrazie al sito Crash.net, possiamo venire a conoscenza delle concessioni ufficiali per la prossima stagione della MotoGP 2016 che non sarà interessante soltanto per la competizione ma anche per i nuovi regolamenti sui quali i piloti inizialmente non sembravano così ottimisti.

Nonostante il nuovo software ECU abbia cancellato la divisione tra due categorie in griglia, (Factory e Open), ci saranno ancora dei benefici tecnici per le squadre nuove e già esistenti che non hanno conseguito una vittoria sull’asciutto dal 2013, che non hanno usufruito delle concessioni nella scorsa stagione.

Ducati, dal momento che ha ottenuto dei podi nel 2015, correrà senza concessioni come Honda e Yamaha. Caso a parte per Suzuki e Aprilia che invece ne potranno usufruire.

MotoGP 2016: la lista delle concessioni:
• L’uso di nove motori per ciascuno pilota a stagione.
• I motori sono esenti dalle regolazioni di omologazione (sviluppo congelato).
• I team potranno testare con i piloti ufficiali e test riders in qualunque momento e in qualunque pista, usando però 120 gomme a pilota, secondo le regole dell’assegnazione.

Quali sono le differenze dal 2015?
• 4 litri in più di carburante. Il limite di 22 litri è a metà strada tra il limite vecchio delle Factory di 20 litri e quello delle Open di 24.
• 12 cambi di motore per ogni pilota, il limite 2015 per Yamaha e Honda era di 5.
• Assegnazione gomma più morbida al posteriore. In concomitanza con la nuova era Michelin, tutti i piloti avranno la stessa opzione di pneumatico per ogni gara.
• Sistema esclusivo ECU. La classe Factory, unita a quelle che beneficiavano delle concessioni, prima potevano utilizzare il proprio software di fabbrica.

Resterà invariato il sistema di rimozione o aggiunta delle concessioni, in base ai punti accomulati qualora vengano ottenuti dei podi in condizioni di asciutto e bagnato:
• Primo posto = 3 punti.
• Secondo posto = 2 punti.
• Terzo posto = 1 punto.

Qualora Suzuki o Aprilia raggiungessero un totale di sei punti in questa stagione:
• I test a tempo indeterminato verranno cancellati.
• Resteranno assegnati 9 motori per ciascun pilota, ma nel 2017 scenderanno a quota 7.
• Il congelamento dello sviluppo resterà fino alla fine della stagione, poi verrà annullato nel 2017.

Qualora Honda, Yamaha o Ducati non dovessero ottenere nemmeno un punto concessione (poco probabile):
• Tutti i piloti potranno beneficiare della lista di concessioni del 2017.

Nessuna costrizione sulle moto per le squadre:
• Prima ogni costruttore aveva un limite di 4 accessi nella classe Factory.
• Per il 2016, l’unico limite imposto è un massimo di due accessi per ogni Team Factory. I costruttori potranno inoltre dare in prestito moto e attrezzatura a team indipendenti.

I punti penalità ai piloti per il 2016:
• Ogni sanzione dovuta ad un accumulo di punti penalità (partenza dall’ ultimo posto 4 punti; partenza dalla pit lane 7 punti; sospensione 10 punti) può essere data solo una volta ad ogni pilota, fino a che lo stesso superi i 10 punti.

Questi sono i punti principali che abbiamo tradotto tramite Crash.net.
La stagione MotoGP 2016 inizierà ufficialmente con i primi test sul circuito di Sepang (1-3 febbraio). Nello stesso mese ci sarà la seconda sessione che si terrà sul circuito di Philip Island (17-19). A marzo poi la terza sessione (2-4 marzo) che precederà la prima gara sul circuito di Doha, Qatar, in notturna (20 marzo).

 

 

  •   
  •  
  •  
  •