MotoGP, la Honda studia la Ducati in ottica mondiale 2019

Pubblicato il autore: rpm86 Segui

BURI RAM, THAILAND – FEBRUARY 18: Marc Marquez of Spain and Repsol Honda Team heads down a straight during the MotoGP Tests In Thailand on February 18, 2018 in Buri Ram, Thailand. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

La Honda ha vinto domenica scorsa il mondiale piloti in casa con Marc Marquez. Ora già nel corso di questo weekend in Australia, la casa dell’ala dorata potrebbe matematicamente laurearsi anche campione del mondo costruttori. Ma nonostante la conquista di (quasi ndr) entrambi i titoli iridati, la Honda  già proiettata in ottica 2019. Non solo per quel che riguarda lo sviluppo della moto dell’anno prossimo, ma anche su quello che riguarda i diretti avversari della Ducati.

E’ notizia di oggi il fatto che la Honda abbia “spiato” la Desmo16 nel weekend del GP della Thailandia. In pratica dopo il pauroso botto di Jorge Lorenzo nel corso delle FP2, la moto dello spagnolo distrutta nell’incidente è stata oggetto di numerose foto da parte dei fotografi presenti nel circuito del Buriram.

Leggi anche:  Valentino Rossi, Carlo Pernat ironizza: "Lo chiamerei Bostik"

Chiaramente le foto scattate hanno suscitato molto interesse tra gli addetti ai lavori, in particolare nel team Honda HRC. Addirittura secondo il quotidiano spagnolo Marca, in casa HRC è stata convocata una riunione tecnica d’urgenza la notte successiva all’incidente di Lorenzo. L’obiettivo da parte della casa giapponese è cercare di capire i numerosi segreti che la moto italiana nasconde sotto le carene. Cosa poi confermata direttamente da un uomo Honda sempre al quotidiano spagnolo.

Anche se la Honda ha vinto il mondiale anche quest’anno, è la Ducati forse la moto più completa in MotoGP al momento. Lo stesso Marquez è rimasto stupito dai progressi della casa di Borgo Panigale, poichè la moto progettata da Gigi Dall’Igna è quella che ha fatto più passi in avanti rispetto alle altre case. Probabilmente con un Dovizioso così a suo agio con la Ducati, e con la Desmo16 competitiva oramai su tutte le piste, il mondiale 2019 vedrà la moto italiana partire con i favori del pronostico.

Leggi anche:  Valentino Rossi, Carlo Pernat ironizza: "Lo chiamerei Bostik"

Per questo motivo alla Honda stanno cercando in tutti i modi nel capire i segreti della Ducati, per applicare magari qualche soluzione tecnica sulla loro moto in vista del 2019. Quest’anno i punti di forza alla Ducati oltre al potente motore, è stata la gran trazione, soprattutto in uscita dalle curve lente. Poi come dimostrato da Jorge Lorenzo ed Andrea Dovizioso in molti GP, la Desmo16 ha dimostrato di avere nella frenata un altro punto di forza.

La percorrenza nelle curve ad ampio e medio raggio è stato invece uno dei punti di forza nella moto giapponese. Poi che Marquez ci ha sempre messo molto del suo per sopperire alle carenze della RC213 è un altro discorso. Tuttavia anche a livello di motore (potenza ed erogazione), la casa dell’ala dorata ha fatto un notevole passo in avanti. Forse non è ancora arrivata ai livelli della casa di Borgo Panigale, tuttavia si è avvicinata parecchio alla casa di Borgo Panigale. Questi ultimi 3 GP ed i successivi test a Valencia post gara, saranno fondamentali per provare nuove soluzioni in ottica 2019, prima di chiudere i battenti sino all’anno nuovo.

  •   
  •  
  •  
  •