MotoGP, Test Qatar, Valentino Rossi: “Mi piace la moto, il casco e come sto io sulla moto”

Pubblicato il autore: Fosco Taccini Segui

Valentino Rossi al termine della due giorni di test in Qatar della MotoGP ha dichiarato: “La mia impressione alla fine dei due giorni è che i due telai sono molto simili, io le sento molto simile al 2020“. Il Dottore al suo esordio can la moto del team Petronas sul tracciato di Losail ha confermato di essere “Contento: mi piace la moto, il casco e come sto io sulla moto. È l’inizio di una nuova avventura, ero molto gasato prima di scendere in pista“.

Test Quatar, Valentino Rossi: ‘Devo guardare i dati e seguire una strada differente per i prossimi test’

Al termine della due giorni di sessioni di test Valentino Rossi ha dichiarato: “Risultato non fantastico, ma la giornata è stata abbastanza positiva, abbiamo lavorato bene”. C’è meno gente intorno alla moto – ha osservato il campione di Tavullia -, meno ingegneri giapponesi, meno domande sullo sviluppo, l’atmosfera è più rilassata, si sta bene“.

Il Dottore ha chiuso la sessione di test del 7 marzo ventesimo in 1’55”708 a 1”768 da Quartararo. “Ho avuto un problema con la moto e non è stato possibile fare il time attack per migliorare“, così in riferimento alla sua ricerca di feeling con la moto del Team Petronas. “Perdo tanto in accelerazione, mi manca un po’ di grip e sono in difficoltà. Abbiamo provato il telaio, ma il feeling è molto simile a quello del 2020. Abbiamo altre cose da provare nei prossimi tre giorni, mai come se dovessimo cercare un diverso bilanciamento della moto per uscire più forte dalle curve. Abbiamo provato a fare una moto più facile da guidare: non vado male nel misto – ha osservato Valentino, ma perdo nelle curve lunghe, faccio fatica ad accelerare. Dobbiamo modificare il setting per essere più efficace in uscita. La mia posizione non è fantastica – ha concluso il nove volte campione del mondo -, e il mio tempo non è buono: oggi non mi sentivo troppo bene con la moto, non ero abbastanza veloce. Devo guardare i dati e seguire una strada differente per i prossimi test“.

  •   
  •  
  •  
  •