Valentino Rossi fatica: “Non capisco il perché”

Pubblicato il autore: Emanuela Francini Segui

Valentino Rossi
L’avvio di Valentino Rossi sicuramente non è stato quelli dei migliori. Quattro punti e zero podi nelle prime due gare in Qatar del Motomondiale. La classifica generale lo vede nelle posizioni basse, dove un campione come lui non dovrebbe stare, sia per il talento sia per la magnifica carriera percorsa. C’è tanta delusione da parte dei tifosi di Rossi che nonostante tutto continuano a sostenerlo a pieno regime. Ora prossimo appuntamento con L’Autódromo Internacional do Algarve di Portimão (Portogallo) servirà per usarlo come riscatto.

Valentino Rossi: “Non so se è colpa mia”

Il 9 volte campione del mondo sta attraversando una fase non facile della sua illustre carriera. In sella alla sua nuova moto, la Petronas, non stanno arrivando i risultati sperati. Cosa che invece non accade in Yamaha, in cui Maverick Vinales e Fabio Quartarao  volando e vincono. Stessa casa produttrice per i tre piloti, ma prestazioni differenti.

Leggi anche:  Francesco Bagnaia: "Quartararo rivale numero 1. Rossi tornerà nelle prime 5 posizioni"

Ora però bisogna archiviare e restare concentrati per la gara di Portogallo, in cui c’è bisogno del miglior Rossi per abbattere le critiche. Inoltre per questo GP tornerà Marc Marquez che finalmente ha avuto l’ok dei medici per poter tornare in pista. The Doctor alla vigilia delle prove libere ha parlato del suo rivale, rivelando che è in grandissima forma. Poi ha provato a dare anche una spiegazione di un inizio di stagione così deludente.

L’inizio di stagione non è stato positivo – ha ammesso Rossi nell’intervista alla Gazzetta -. Siamo andati peggio di quello che ci aspettavamo e dobbiamo lavorare per capire qual è stato il motivo. Non so se è stata anche colpa mia… quel che so è che la mia moto è molto simile a quelle ufficiali. Ma non so spiegare perché loro (Viñales e Quartararo, ndr) fanno così bene e invece noi fatichiamo. Siamo tornati in Europa ed è arrivato il momento di essere più forti e competitivi.

  •   
  •  
  •  
  •