MotoGP, in Malesia torna a ruggire Bastianini. Bagnaia allunga, in Qatar primo match point per il Mondiale

A Sepang il riminese è perfetto dall'inizio alla fine e conquista il sospirato primo successo in MotoGP alla guida della Ducati ufficiale. Secondo un brillante Alex Marquez davanti a Pecco che allunga in classifica su Martin, quarto al traguardo. Domenica a Losail il torinese può confermarsi campione

Il GP della Malesia, terzultimo appuntamento del Mondiale 2023 MotoGP, si conclude con una festa doppia in casa Ducati. All’indomani delle inquietudini della Sprint, con il crollo nel finale di Bagnaia costretto ad accontentarsi del terzo posto alle spalle di Alex Marquez e di Jorge Martin, la gara domenicale a Sepang vede sorridere tanto il leader del Mondiale quanto il suo compagno di squadra Enea Bastianini. Quasi al termine di un’annata più che tribolata, infatti, che nei piani della Ducati e del riminese avrebbe dovuto vederlo in lotta per il titolo, “Bestia” vince il primo GP in sella alla moto ufficiale di Borgo Panigale, precedendo Alex Marquez e tornando a vincere nella classe regina oltre un anno dopo il successo di Aragon 2022.

MotoGP Malesia: Bastianini trionfa per Bagnaia podio e allungo

Un successo che fa morale per Enea, condizionato dall’incidente subito in Portogallo in avvio di stagione, ma che soprattutto aiuta il team. Ducati celebra infatti anche un altro terzo posto di Bagnaia, ma più “di sostanza” rispetto a quello della Sprint visto che Martin, quarto, questa volta finisce dietro al torinese. Il weekend malese vede quindi Bagnaia guadagnare un punto rispetto al pilota della Pramac, considerando i due persi nella Sprint e i tre guadagnati domenica. Il testa a testa resta accesissimo, con Pecco a +14 sul rivale, ma domenica prossima a Losail l’italiano avrà già il primo match point. Guadagnano 23 punti su Martin tra Sprint e GP, infatti, Bagnaia potrà confermarsi campione con un GP d’anticipo, altrimenti sarà tutto rinviato al weekend finale del 25-26 novembre a Valencia.

MotoGP Malesia, Yamaha in crescita

GP complicato dal caldo soffocante, ma Bastianini non ha sbagliato nulla, prendendo la testa alla primo giro e imponendo subito un ritmo insostenibile per i rivali. Compreso Martin, che dopo una bella partenza e essersi trovato in testa alla prima curva, sbaglia tutto, finisce lungo ritrovandosi quinto e non si ritrova più, neppure nel testa a testa con Bagnaia al terzo giro, vinto da Pecco. Bene la Yamaha, con Fabio Quartararo quinto e Franco Morbidelli settimo. Tra loro Marco Bezzecchi con la Ducati VR46.

Bastianini: "È scattato qualcosa in me, oggi contava solo vincere"

Comprensibile la gioia irrefrenabile di Bastianini a fine corsa: “Tornare alla vittoria dopo aver passato un periodo molto difficile (Enea usa un’altra espressione più colorita, ndr) è qualcosa di fantastico ed emozionante. Sapevo che avrei potuto farcela, e alla fine ho spinto dall’inizio come se fosse una qualifica. Negli ultimi giri ero distrutto, ma alla fine è arrivata questa vittoria. In questo weekend è esploso qualcosa dentro in me, sono tornato a divertirmi. Ringrazio la mia famiglia per essermi stata vicino, il mio preparatore e anche il team. Abbiamo fatto un gran lavoro cambiando il funzionamento del freno motore pur restando uguali a livello di set up”.