Nuoto: Nominata commissione per ripartire. In attesa della fase 2, sospesa la finale di coppa italia maschile

Pubblicato il autore: Monica Giambrone Segui

Il consiglio federale si è riunito in videoconferenza per approfondire una serie di conseguenze emerse in campo sanitario, causate dalla diffusione del Coronavirus.
Si è affrontata la questione relativa alle misure contenitive adottate dalle istituzioni, rivolgendo particolare importanza al periodo di crisi che stanno vivendo le diverse associazioni e società sportive. Sono all’incirca 1500 quelle affiliate.

Affinché il Governo possa adottare ulteriori misure di supporto a favore delle ASD E SSD, che gestiscono impianti come ad esempio le piscine, ha deliberato alcuni provvedimenti, tra questi ha emanato una commissione formata da specialisti, esperti in ambito sanitario e da referenti federali per il supporto delle autorità di governo, che rappresenti un modello utile ed efficace per riprendere l’attività motoria e le competizioni in totale sicurezza, sia per tesserati che per praticanti delle discipline acquatiche.
Si tratta sicuramente di un percorso abbastanza complesso, richiederà diversi sforzi e sacrifici ma la Federnuoto ritiene le linee proposte dalla commissione, fondamentali per creare un dialogo tra comitati regionali e le istituzioni sanitarie locali nel supporto di un’adeguata pianificazione a favore del cittadino.


Il consiglio, oltre ad emanare una commissione ha anche deciso di procedere all’annullamento di eventi e competizioni nazionali sino al 31 maggio che, vede coinvolto anche il campionato juniores estivo di nuoto sincronizzato, dal 14 al 17 maggio, a Verona.
Infine, ha sospeso la finale di coppa italia di pallanuoto maschile e dei campionati nazionali di pallanuoto maschile
(seria A1, serie A2, serie B, Under 17 A) e femminile ( seria A1 e serie A2).
Tutto questo fino al nuovo decreto e alla riapertura della fase 2.

  •   
  •  
  •  
  •