Grand Prix: l’Italia cade anche contro la Thailandia

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

grand prixBrutto stop per l’Italia al Grand Prix, che dopo la sconfitta con la Russia cade al Tie-break anche contro la Thailandia con i parziali di 20-25, 25-23, 23-25, 25-19, e 11-15. Stanche per l’eccitante sfida contro le campionesse d’Europa  la sera prima, nella mattina di oggi le ragazze di Bonitta non sembrano avere la giusta freschezza e lucidità per poter superare le avversarie asiatiche. Il palazzetto vuoto non ha aiutato le ragazze che non sono mai entrate del tutto in partita e hanno sempre inseguito la Thailandia.

Grand Prix: Italia non brillante

Non si può di certo definire brillante l’Italia nell’ultimo match del Grand Prix di Bari, dove con Paola Egonu in attacco e Danesi e Guiggi centrali di supporto alla Malinov non riescono a imporre il proprio gioco, incappando nella terza sconfitta, risultato deludente che proprio il pubblico di Bari non si aspettava. Buona comunque la partita della centrali, che si sono fatte trovare pronte in più di una occasione, anche se il muro alzato dalle thailandesi è stato arduo da superare e il più delle volte ha fermato le schiacciatrici azzurre. Egonu è stata decisiva per la vittoria dei sue set che hanno portato l’Italia al Tie-break ma allo stesso tempo negativa per i troppi attacchi sbagliati che hanno regalato punti alle asiatiche.

Leggi anche:  Champions League pallavolo femminile, Novara perfetta con Kazan, le russe dominate

Grand Prix Bari: palazzetto deserto

Il palazzetto deserto non ha purtroppo aiutato Egonu e compagne, che a differenza degli altri incontri hanno giocato in un ambiente quasi surreale, come se fosse un incontro di allenamento in palestra, con la sola differenza però, che si trattava di un match ufficiale, contro un avversario che seppur modesto ce la messa tutta per battere l’Italia e per dimostrare che il duro lavoro svolto ha dato i suoi frutti. Occorre senza dubbio cambiare rotta e ritrovare la stessa concentrazione che ha portato le azzurre a rischiare di vincere contro le campionesse russe, solo con quello spirito si può pensare di passare il girone olimpico, altrimenti per la nostra nazionale sarà veramente dura, in quanto Cina, Olanda e Stati Uniti non regaleranno nulla in difesa.
L’Italia chiude il Grand Prix di Bari a 2 punti come la Thailandia, mentre la Russia è a 8 e l’Olanda a 6. Venerdì 24 ad Ankara ci sarà Italia-Brasile (ore 13.30); mentre sabato 25 Turchia-Italia (ore 16.30), e domenica 26 giugno Italia-Belgio (ore 13.30).

Leggi anche:  Brescia, due positivi Covid-19 in Atlantide
  •   
  •  
  •  
  •