Champions League Volley, la Lube conquista il terzo posto

Pubblicato il autore: Morgana Corti

La Lube Civitanova dopo la consegna delle medaglie

A Roma la Lube Civitanova conquista per il secondo anno consecutivo la medaglia di Bronzo alle finali di CEV Champions League. In semifinale aveva perso 3-2 contro la Sir Safety Perugia, giocando una partita brutta per i suoi standard; contro il Berlino la squadra guidata da Blengini ha disputato una buona partita, senza commettere troppi errori e ha chiuso quest’esperienza europea vincendo per 3-1, una finalina ed una vittoria che sicuramente non cancellano l’amarezza della sconfitta in semifinale.
Alla fine della Champions sono stati consegnati anche i premi individuali e tra le file della Lube Civitanova l’unico giocatore ad avere vinto un premio è stato il francese Jenia Grebennikov : miglior libero della competizione.
Per il francese si tratta del secondo riconoscimento consecutivo in questa competizione, infatti era stato premiato anche lo scorso anno in occasione delle finali di Cracovia.

Leggi anche:  Mondiali di volley femminile, Italia-Kenya: dove vederla in TV e streaming

La gara in sintesi:
Blengini nella partita di ieri ha deciso di lasciare in panchina Kovar e Candellaro e schierare al loro posto Cebulj e Cester, rispettivamente in banda e al centro.
Il primo set vede il Berlin partire molto aggressivo ed al primo time out tecnico si trova davanti alla Lube di due punti, ma grazie all’ottimo turno in servizio di Cester e Sokolov la squadra italiana ricuce il gap che si era formato e si riporta in vantaggio con il punteggio di 17-13.
Berlino recupera e si riporta in parità grazie a Carroll: proprio il giocatore della squadra tedesca con un ace riporta in vantaggio i compagni sul 22-20. Sul 24-23 per Berlino è Juantorena che con una pipe annulla il secondo match-point, da qui inizia una lotta punto a punto fino al 29-27, quando Sokolov con un contrattacco chiude il primo set.
Il secondo parziale è molto simile al primo, le squadre giocano punto a punto ed il set è molto equilibrato. Ma è sempre il solito Carroll a cambiare la situazione e a riportare in vantaggio i suoi sul 20-18. Un errore in attacco di Juantorena vale il 24-21 per i tedeschi, che chiudono sul 25-22.
La Lube riparte dal terzo set ed è un monologo della squadra guidata da Blengini. Al primo time out tecnico si trova in vantaggio per 8-5 e nel secondo cresce ancora 16-12, nonostante Cebulj non sia in una forma smagliante.
Berlino però si riavvicina, ma Juantorena efficace in attacco con il 75% e con un ottimo turno al servizio mette al sicuro la sua squadra portandola sul 24-21. Alla fine è una sua pipe a chiudere il terzo set.
Nel quarto parziale si gioca ancora punto a punto. Sul 12 a 12 un errore di Pesaresi in ricezione e una murata di Sokolov costano il 21-18. Ma la Lube rimonta e ribalta la situazione con ben 3 ace di Juantorena ed un errore di Carroll, che valgono il terzo posto per la squadra italiana.

Leggi anche:  Mondiali di volley femminile, Italia-Kenya: dove vederla in TV e streaming

Alla fine della partita è passato ai microfoni di Fox Sport Gianlorenzo Blengini, coach della Lube, queste le sue parole: “La voglia di vincere era questo il nostro obiettivo, l’abbiamo inseguito con determinazione nonostante la delusione che ci siamo inevitabilmente portati dietro dopo la gara di sabato. La squadra è scesa in campo con la voglia di cancellare la sconfitta subita meno di 24 ore prima, con una grande volontà: questo è un aspetto che mi è piaciuto molto.”

  •   
  •  
  •  
  •