Revivre Milano – Wixo LPR Piacenza 2-3. Scivolone dei ragazzi di Giani.

Pubblicato il autore: Raffaele Mileo Segui

Revivre Milano: 1 Abdel-Aziz Nimir ne, 2 Piccinelli ( L ), 4 Klinkenberg 12, 5 Daldello ne, 6 Sbertoli 1, 7 Tondo 11, 8 Schott 6, 9 Perez Rivera 1, 11 Piano 13, 12 Galassi 3, 13 Averill 6, 15 Fanuli ( L ), 16 Preti, 18 Cebulj 28. All. Giani.

LPR Piacenza: 1 Manià ( L ), 3 Parodi 18, 4 Alletti 7, 6 Giuliani ( L ), 7 Marshall 3, 8 Di Martino ne, 9 Baronowicz 3, 10  Kody, 12 Yosifov 13, 13 Hershko ne, 14 Fei 24, 17 Clevenot 19, 18 Cottarelli. All. Giuliani.

Arbitri: Rapisarda-Tanasi.

Nella gara al Palayamamay davanti ai propri tifosi in un match dalla posta altissima la Revivre Milano alla ricerca del successo per la corsa ai Play Off dopo la positiva prova di Ravenna non mette a segno il colpo e cede per 3-0 contro la diretta concorrente Wixo LPR Piacenza. I ragazzi di Giani nonostante l’assenza del bomber Aziz Abdel fa ben sperare i tifosi facendo propri i primi due set. Piacenza però non ci sta e trascinata da Fei e Parodi rientra in partita e mentre Milano perde anche il regista Sbertoli per infortunio alla caviglia destra, pareggia i set e trascina la Revivre al tie break.
1° set: si gioca alla pari per quasi tutto il set con le due squadre che giocano incollate punto a punto sino al 22-22 quando milano con l’ace di Averill prima ed il primo tempo di Piano dopo chiude 25-22.
2° set: parte bene Piacenza che si porta sul 5-7 quando la Revivre perde il palleggiatore Sbertoli subito sostituito da Perez. Milano accusa il colpo e vede Piacenza allontanarsi di +6. Giani interrompe ma al rientro è 5-11 per un ace di Yosifov. Milano si scuote e prima con Tondo poi con due ace di Cebulj chiude 25-22.
3° set: la prima frazione di gioco sembra fotocopia del primo set con le due squadre che giocano punto a punto fino al 13-13 quando Piacenza inizia l’allungo con Yosifov, Parodi e sopratutto capitan Fei che mette giù i palloni che chiudono il set 20-25.
4° set: parte ancora bene Piacenza che tiene a debita distanza Milano sia nel primo che nel secondo parziale che fa decidere Giani a rimescolare le carte  con  dentro Schott  e Galassi al posto di Klinkenberg ed Averill nel vano tentativo di riprendere il bandolo della gara. Sul 20-21 Giani rimedia un giallo per una decisione arbitrale a suo modo non giusta. Piacenza allunga ancora e si porta sul 21-23. Milano pareggia i conti con Cebulj e Piano per poi sorpassare 24-23 con Schott. L’errore al servizio di Cebulj fa 24-24 e si va ai vantaggi che Piacenza con Parodi e Fei fanno propri per 26-28.
5 °set: il primo parziale vede ancora Piacenza avanti 6-8 per poi allungare 10-13. Milano tenta di rientrare con Tondo ma Piacenza con Clevenot e Yosifov chiude il set 11-15.

  •   
  •  
  •  
  •