Play off Superlega volley: risultati, cronaca e tabellini di gara 1 dei quarti di finale

Pubblicato il autore: Giovanni Cardarello Segui

Tutto secondo copione in gara uno dei quarti di finale dei play off della Superlega di volley maschile. Vincono tutte e quattro le squadra di casa, in maniera netta Civitanova, cedendo il primo set e soffrendo nel secondo e nel terzo Perugia, addirittura al tie-break Trento e Verona. Dopo avervi raccontato ieri la vittoria dei Block Devils umbri vediamo nel dettaglio gli altri tre incontri.

Play off Superlega, la cronaca dei match

MODENA-MILANO E’ una bolgia il PalaPanini per gara 1 Quarti Play Off Scudetto che vede di fronte Azimut Modena e Revivre Milano.L’Azimut parte con Bruno in regia e Argenta opposto, le bande sono Ngapeth e Urnaut, al centro Holt e Bossi, il libero è Salvatore Rossini. La Revivre Milano risponde con la diagonale Sbertoli- Abdel-Aziz, Cebulj e Klinkenberg in banda, Piano-Averill al centro, libero Fanuli. La curva Ghirlandina dedica uno striscione a coach Andrea Giani che ha perso la madre due giorni fa. Parte fortissimo Milano che va sul 7-10 grazie all’ottima regia di Sbertoli e ad un cambio-palla molto efficace. Si va col punto a punto con le due squadre che offrono un grande spettacolo, Modena accelera, 15-13. Si infortuna Earvin Ngapeth che lascia il campo al fratello Swan, punto Urnaut, 18-16. Si arriva al 24-24 in un set al cardiopalma. L’Azimut chiude 26-24 il primo parziale. Nel secondo set si gioca punto a punto, Modena recupera Earvin Ngapeth, Milano si affida ad Abde-Aziz, una delle sorprese più importanti del Campionato, 9-8. Cambia passo Modena, Bruno gestisce perfettamente i suoi avanti, 16-14. Torna sotto Milano, si arriva al 23-23 e il set è apertissimo. La Revivre piazza il break, 25-27 e 1-1. Nel terzo parziale Modena va sul 9-7, il PalaPanini spinge, Milano non molla nulla. Resta avanti Modena che si porta sul 13-11. Alza i giri del motore l’Azimut, si va sul 19-16. L’Azimut spinge fortissimo, 24-19. Modena chiude il set 25-19 e va sul 2-1. Modena parte a mille anche nel quarto parziale, si arriva al 10-7. Non si ferma l’Azimut, si arriva al 14-13 e il clima è caldissimo. Mette la freccia Milano che va sul 16-17. Non si ferma al Revivre, 19-22. Lo chiude Milano 21-25 il quarto set, è 2-2 e si va al tie-break, dove Modena si impone 15-12.
TRENTO-VERONA Il derby dell’Adige, versione Play Off, per la prima volta in questa stagione rispetta il fattore campo. Dopo le due vittorie esterne fatte registrare in Regular Season, la Diatec Trentino stasera al PalaTrento è stata brava a conservare il vantaggio fornito dal giocare la gara inaugurale della serie di fronte al proprio pubblico superando al tie break la Calzedonia al termine di una partita vibrante e tiratissima. Per spuntarla i padroni di casa hanno dovuto contenere il ritorno veemente degli scaligeri che, sotto 2-0, hanno saputo piano piano risalire la china e costringere la squadra di Lorenzetti a tirare fuori tutto il proprio carattere per portarsi a casa l’1-0 nella serie. In una partita che spesso ha offerto momenti di grande pallavolo e lotta punto a punto, a fare la differenza alla fine sono stati i muri di Kozamernik (5, fra cui quello che ha deciso 15-13 il quinto set), i 25 punti di Kovacevic e i buoni momenti di Vettori, alla fine Mvp. Verona ci ha provato fino all’ultimo con Jaeschke e Stern, ma è uscita dal PalaTrento sconfitta e con addosso la sensazione di aver perso una grande occasione.
CIVITANOVA-PIACENZA i biancorossi di Giampaolo Medei, chiamati da oggi a difendere ufficialmente lo Scudetto conquistato nella passata stagione, superano in tre set la Wixo Lpr Piacenza in gara 1 dei Quarti di Finale (25-21, 25-20, 25-14), guadagnando dunque due match point per l’accesso alla Semifinale, il primo dei quali da giocarsi al PalaBanca di Piacenza domenica prossima. Partita combattuta al di là del netto risultato finale,quella odierna, in cui il tecnico di casa Medei sceglie di dare fiducia a Jiri Kovar in posto 4 con Juantorena, proponendo contemporaneamente capitan Stankovic al centro con Cester. Sfida equilibrata nel primo set in cui le due squadre, troppo sbaglione al servizio (9 gli errori di Piacenza, 7 quelli della Lube) e spuntate in attacco (35% i marchigiani, 38% la Wixo), camminano punto a punto fino a quota 20, che corrisponde con l’arrivo sulla linea dei nove metri di Osmany Juantorena. E sulla battuta del fuoriclasse italo-cubano, che manda decisamente in tilt la ricezione ospite e firma anche un ace (23-20), i padroni di casa firmano un parziale di 4-0 trovando le zampate decisive per l’1-0 con i muri di Sokolov prima e Stankovic poi, entrambi su Marshall (24-20). Finisce 25-21 dopo un errore al servizio di Yosifov. Più in discesa il secondo set, che vede i Campioni d’Italia in carica andare subito sul +4 grazie alla velenosa battuta float di Cester, sulla quale Stankovic mura Alletti trovando il primo break, e dopo l’errore in attacco del medesimo centrale degli emiliani Juantorena contrattacca in maniera vincente la palla del 12-8. Piacenza? Continua a sbagliare moltissimo in battuta (altri 8 errori), mentre trova una migliore quadratura in ricezione con l’ingresso di Parodi al posto di Marshall (per l’ex Lube 100% di positività su 4 palloni, con 2 attacchi a segno su 2). La squadra di Giuliani, che dopo aver lasciato le Marche tre stagioni fa contro la sua ex squadra ha rimediato solo sconfitte (8 su 8), accenna una reazione d’orgoglio risalendo fino al 17-18. Ma a spegnere ogni velleità di concreta rimonta arrivano poi gli errori in serie di Clevenot (21-19) e Fei (22-19), oltre alle prodezze del bomber di casa Tsvetan Sokolov, autore del contrattacco che ristabilisce larghe distanze tra le due squadre (23-19) e anche dell’ace che chiude le ostilità sul 25-20. Il terzo set è senza storia, con capitan Stankovic e compagni che prendono il largo già in avvio (7-3), e mentre dall’altra parte torna di nuovo in campo Marshall, ma al posto di Clevenot, allungano sul 19-11 appoggiandosi sugli attacchi degli inarrestabili Sokolov e dell’Mvp Osmany Juantorena (13 punti, 50% in attacco, 1 muro e 1 ace), per poi chiudere 25-14.

Leggi anche:  Allianz Powervolley Milano: Milano - Piacenza 1 - 3

Play off Superlega, i risultati

  • Sir Safety Conad Perugia-Bunge Ravenna 3-1 (20-25, 26-24, 28-26, 25-19)
  • Diatec Trentino-Calzedonia Verona 3-2 (25-23, 25-17, 19-25, 24-26, 15-13)
  • Cucine Lube Civitanova-Wixo LPR Piacenza 3-0 (25-21, 25-20, 25-14)
  • Azimut Modena-Revivre Milano 3-2 (26-24, 25-27, 25-19, 21-25, 15-12)

Play off Superlega, i tabellini

Sir Safety Conad Perugia – Bunge Ravenna 3-1 (20-25, 26-24, 28-26, 25-19)Sir Safety Conad Perugia: De Cecco 2, Zaytsev 15, Podrascanin 10, Andric 3, Berger 11, Anzani 10, Cesarini (L), Shaw 0, Colaci (L), Della Lunga 0, Atanasijevic 17. N.E. Ricci, Siirila. All. Bernardi. Bunge Ravenna: Orduna 2, Marechal 25, Diamantini 3, Buchegger 20, Poglajen 9, Georgiev 6, Marchini (L), Raffaelli 1, Goi (L), Vitelli 1, Gutierrez 0, Pistolesi 0. N.E. Mazzone. All. Soli. ARBITRI: Tanasi, Zavater. NOTE – durata set: 25′, 32′, 34′, 27′; tot: 118′.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, risultati 13.a giornata: continua la crisi per Busto

Azimut Modena – Revivre Milano 3-2 (26-24, 25-27, 25-19, 21-25, 15-12)Azimut Modena: Mossa De Rezende 5, Ngapeth E. 26, Bossi 6, Argenta 14, Urnaut 21, Holt 11, Rossini (L), Tosi (L), Pinali 1, Ngapeth S. 2, Sabbi 0. N.E. Van Garderen, Marra, Penchev. All. Stoytchev. Revivre Milano: Sbertoli 1, Klinkenberg 11, Averill 5, Abdel-Aziz 33, Cebulj 20, Piano 10, Piccinelli (L), Fanuli (L), Schott 0, Galassi 8, Perez Rivera 0. N.E. Tondo, Preti. All. Giani. ARBITRI: Braico, Sobrero. NOTE – durata set: 32′, 34′, 28′, 29′, 17′; tot: 140′ MVP Ngapeth

Diatec Trentino – Calzedonia Verona 3-2 (25-23, 25-17, 19-25, 24-26, 15-13)Diatec Trentino: Giannelli 5, Kovacevic 25, Kozamernik 10, Vettori 16, Lanza 12, Carbonera 9, Chiappa (L), Hoag 5, De Pandis (L), Zingel 0. N.E. Cavuto, Boninfante, Partenio, Teppan. All. Lorenzetti. Calzedonia Verona: Spirito 2, Jaeschke 18, Pajenk 5, Stern 16, Maar 5, Birarelli 3, Frigo (L), Pesaresi (L), Marretta 0, Manavinezhad 8, Mengozzi 8. N.E. Magalini, Grozdanov, Pedroni. All. Grbic. ARBITRI: Boris, Rapisarda. NOTE – durata set: 27′, 29′, 28′, 33′, 22′; tot: 139′ MVP Vettori

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, risultati 13.a giornata: continua la crisi per Busto

Cucine Lube Civitanova – Wixo LPR Piacenza 3-0 (25-21, 25-20, 25-14)Cucine Lube Civitanova: Christenson 3, Juantorena 13, Stankovic 4, Sokolov 11, Kovar 8, Cester 4, Grebennikov (L), Candellaro 0. N.E. Zhukouski, Casadei, Marchisio, Milan, Sander. All. Medei. Wixo LPR Piacenza: Baranowicz 1, Clevenot 10, Yosifov 5, Fei 11, Marshall 5, Alletti 2, Giuliani (L), Manià (L), Parodi 3, Di Martino 0, Kody 0. N.E. Hershko, Cottarelli. All. Giuliani. ARBITRI: Santi, Vagni. NOTE – durata set: 24′, 30′, 22′; tot: 76′ MVP Juantorena

 

Play off Superlega, il prossimo turno

  • Bunge Ravenna-Sir Safety Conad Perugia 18/03/2018 Ore: 18.00
  • Calzedonia Verona-Diatec Trentino 17/03/2018 ore 20:30;
  • Wixo LPR Piacenza-Cucine Lube Civitanova 18/03/2018 Ore: 18.00
  • Revivre Milano-Azimut Modena 18/03/2018 Ore: 18.15
  •   
  •  
  •  
  •