Volley Serie B: Canottieri Ongina rullo compressore, anche Milano cede ai piacentini

Pubblicato il autore: Volley Canottieri Ongina Segui


Volley Serie B. Prosegue il cammino inarrestabile della Canottieri Ongina. Diciassettesima vittoria per i piacentini contro il Veneto Gas&Power Milano e primo posto confermato in classifica in attesa dello scontro diretto con l’inseguitrice Cisano.

 La Canottieri Ongina scende in campo con Pazzoni in palleggio, Cardona opposto, Caci e Nasari in banda, Bonola e De Biasi al centro e Cerbo libero. Il Veneto Gas&Power Milano risponde con Giussani (ex Cisano) in palleggio, Meneghello opposto, Falgari e Galliani in banda, Arasomwan e Mazza centrali e Taramelli libero. I monticellesi partono forte al servizio, con Cardona che sigla un punto… e mezzo per il 5-2 locale, imitato poi da Caci con la battuta chiusa da Caci. Falgari va giù per il -2 (7-5), ma i piacentini rilanciano subito con Cardona e con l’errore di Arasomwan (9-5). Il gigante nigeriano si fa perdonare con il muro del 10-8, ma la Canottieri Ongina sfrutta l’ottimo operato di Bonola (attacco e due ace), volando sul 15-9 dopo il muro di De Biasi sullo stesso Arasomwan. Coach Petrelli ferma il gioco, ma non la verve dei padroni di casa, avanti 17-10 (ace di Cardona) e 20-13 (muro di Pazzoni). Nuova sosta chiesta dalla panchina brianzola, poi cartellino giallo a sorpresa per Cardona dopo civili proteste (21-15), ma non ci sono altri colpi di scena: 25-17.

Dopo il cambio di campo, la squadra di Botti riparte forte (5-2 con Cardona) nel secondo parziale, poi sale in cattedra De Biasi: tocco sottorete a chiudere la battuta dell’opposto caraibico, poi muro per il 7-2. Due attacchi out della Veneto Gas&Power Milano (ora con Arasomwan da opposto e con Meneghello dirottato in posto quattro) regalano un maggiore scarto ai padroni di casa (11-3, time out Petrelli). Nasari timbra il cartellino a muro (13-4), poi sul 15-6 Miranda avvicenda Cardona, costretto al forfait. Ancora Nasari, poi il nuovo entrato fanno la differenza in battuta, con il martello piemontese che sigilla il secondo set: 25-11 e 2-0.

Copione diverso, infine, nel terzo set: l’ace di Giampietri (promosso titolare al centro) vale il primo break monzese (0-2), che diventa di tre lunghezze con un altro ace, questa volta di Mazza (3-6) che pizzica Nasari in ricezione. Andrea si riscatta poco dopo in attacco (6-7 e 7-8), poi Bonola annulla il gap con l’ace del 9-9. Il muro di Caci vale il sorpasso immediato, poi Miranda fa (ace del 12-10) e disfa (attacco out per la parità a quota dodici). L’equilibrio si spezza sul 17-17: il neoentrato Fall va a segno in attacco, poi sulla battuta di Bonola due contrattacchi di Caci scavano il solco (20-17). Time out di Petrelli, ma l’ace di Miranda taglia le gambe a Monza (22-18), poi costretta alla resa: 25-20 e 3-0.
  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, risultati recuperi di ieri: Busto torna a sorridere