Volley, Francesca Piccinini: “Essere mamma è il sogno di ogni donna…voglio il sesto scudetto”

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui


Sarà la nona finale scudetto per Francesca Piccinini quella tra Novara e Conegliano che si giocherà questa sera per la gioia di tutti gli amanti del volley e dell’eterna bambina Piccinini, un’atleta che ha saputo spesso stupirci e risorgere come l’antica araba fenice. Non ha intenzione di smettere di vincere infatti la Picci che vuole conquistare il suo sesto titolo nazionale:“Sono arrivata a 39 anni e preferisco pensare anno per anno al mio futuro sportivo. Conclusa la finale staccherò la spina per qualche giorno e poi penserò al 2018-2019. Credo ancora da giocatrice“.

Non ha quindi nessuna intenaione di smettere l’icona della nazionale italiana che sembrerebbe avere un futuro ancora a Novara, nella sua Igor, società che l’ha accolta a braccia aperte e che per questa ragione trova un grande affetto anche dalla Francesca nazionale:

Qui mi sono trovata bene. L’anno scorso ho vinto uno scudetto, quest’anno abbiamo già alzato due trofei. E c’è Barbolini, un tecnico con cui ho vinto molto. Penso che potremmo arrivare a gara5. Nei sei precedenti c’è sempre stato grande equilibrio. Ci conosciamo così bene che sarà difficile trovare ormai punti deboli reciproci. Anche perché siamo due squadre molto simili. La differenza la faranno i particolari e la condizione fisica“.

E’ fiduciosa la Piccinini per il match contro Conegliano. Pur riconoscendo la grandezza e la forza delle avversarie ha piena fiducia nella sua squadra e nelle compagne con le quali sta ancora portando a casa importanti trofei. Nonostante le polemiche e le dichiarazioni fatte su facebook e alle trasmissioni televisive sulle giovani pallavoliste Francesca sembra avere buoni rapporti con tutte le sue compagne a Novara, per questa ragione tutto fa presagire che la schiacciatrice toscana possa accasarsi un altro anno in Piemonte, in un ambiente che ha saputo valorizzarla anche a fine carriera e che ha rispettato il suo impegno e quello che è stata per il volley italiano. Intervistata da Attilio Mercalli per il Corriere di Novara, alla domanda diretta se continuerà a giocare risponde:

“Certo questo è sicuro. Voglio giocare ancora perché sto bene fisicamente, mi diverto, perché mi sento di farlo con il solito impegno al 100% e quindi spero di poterlo fare qui a Novara. Vorrei continuare a dare ancora il mio contributo a questa Società, la Igor, che è diventata grande ed ha imparato a vincere. E io voglio continuare a vincere”. 

Francesca Piccinini: “Desidero essere mamma”

Amore per la pallavolo ma anche deisderosa di avere una famiglia, come ogni donna spiega la campionessa azzurra: “Credo sia il desiderio di ogni donna. Ci sarà il momento anche per questo. Sono però cose private che per ora voglio custodire gelosamente.  Il consiglio federale un’esperienza interessante che potrei continuare in futuro“.

Desiderio legittimo che non possiamo non augurare alla bella e sexy Francesca, una ragazza, ormai donna, cresciuta nel mito di Mila Hazuki e che ha avvicinato intere generazioni al mondo del volley, uno sport che sa unire e mai dividere e creare un eccellente spirito di squadra nonché sportività e rispetto tra le tifoserie.

 

  •   
  •  
  •  
  •