Volley, Cisano promosso in Serie A2. Traguardo storico per i bergamaschi

Pubblicato il autore: Cisano Volley Segui


Tipiesse Mokamore Cisano, promossa in serie A2 per la prima volta nella sua storia! La squadra di coach Zanchi, dopo aver sfiorato la promozione la scorsa stagione nella finale playoff con Ongina, si prende la sua rivincita e lo fa nel migliore dei modi: vittoria del campionato di serie B grazie al primo posto nel girone B e successo ai playoff in due gare contro al Pallavolo Saronno, campionessa del girone A.

Per gara 2 della serie playoff con Saronno, coach Zanchi si affida al suo classico sestetto con Piccinini e Milesi al centro, Burbello sul lato opposto, Costa e Ruggeri sulle bande, il capitano Sbrolla in palleggio e Pozzi come libero. In avvio è sempre il Cisano a condurre i giochi (4/8), confortato dal rotondo 3-0 di gara 1 e dall’ottima prestazione offerta. Al giro di boa i punti di vantaggio dei bergamaschi sono ben 6 e così Sbrolla e compagni si involano agevolmente verso il 20/25 finale, tenendo a bada un disperato tentativo di rientro dei locali (18/21). Saronno però non vuole alzare bandiera bianca e sfodera tutto l’orgoglio, affidandosi al solito Canzanella. I locali, dopo un avvio equilibrato (8/7), trovano così l’allungo giusto e sembrano in controllo sul 12/16. Nel finale i bergamaschi piano piano rosicchiano un punto dopo l’altro (21/19) fino al sorpasso sul 23/24 e al punto finale che in pratica vale tre quarti di serie A₂.

Eh si perché Saronno, dopo aver perso la possibilità di impattare sull’uno a uno e di riaprire match e serie, cade in uno stato di profondo sconforto e viene travolto dalla voglia della Tipiesse Mokamore di scrivere una bellissima pagina di storia del club. Pronti, via e così la squadra di Zanchi piazza un break di 8-3 nel terzo set, doppiando poi gli avversari al giro di boa (8/16). Saronno è costretto ad alzare bandiera bianca e gli ultimi punti sono una vera e propria passerella per i bergamaschi: sul 15/24 il servizio dei locali finisce fuori dal campo e così può scattare tutta la gioia di coach Zanchi e dei suoi giocatori per un traguardo storico.

  •   
  •  
  •  
  •