Volley Terracina, Beatrice Massa primo rinforzo per la prossima stagione

Pubblicato il autore: Terracina Volley Segui


E’ Beatrice Massa il primo acquisto del Volley Terracina in vista della prossima stagione agonistica.

Beatrice, nata ad aprile del 2001 a Roma ma residente da sempre nella vicina Fondi, 182 cm di altezza, schiacciatrice, uno di quegli elementi che nella scorsa stagione si è maggiormente messo in evidenza, attirando su di se l’attenzione di molti addetti ai lavori, ma la bravura e l’abilità del DS Rizzi, ha fatto in modo che la ragazza sposasse il progetto della Volley Terracina e arrivasse nella città di Giove Anxur.

Beatrice proviene dalla Marzocchi Fondi, dove è cresciuta e fatto tutta la trafila nelle squadre giovanili, fino ad approdare in prima squadra due anni fa e divenendone poi pedina inamovibile nella scorsa stagione. Dotata di un braccio davvero pesante, Beatrice va a completare il reparto dei posti quattro, insieme alle confermate De Bellis, Mancini e Polverino, costituendo in questo modo un pool di atlete davvero importante per Mr Pesce.

La giovanissima ragazza fondana è entusiasta di questa sua nuova avventura ed è proprio ciò che trasmette dalle sue prime parole da biancoceleste: “Sono davvero molto contenta di aver fatto questa scelta, da avversaria ho sempre guardato con occhi di ammirazione il livello tecnico delle mie colleghe terracinesi e anche di come lavorasse la società stessa. Vorrei innanzitutto ringraziare moltissimo la società del Fondi, che mi ha formato e dato questa bella opportunità, se riuscirò a fare qualcosa di bello è anche merito loro. Non conosco personalmente Mr Pesce ma molti mi dicono come sia bello, duro e gratificante poter lavorare con lui, cercherò di fare del mio meglio e apprendere il più possibile. Anche le stesse compagne, alcune le conosco per averci giocato contro e credo non sarà difficile integrarsi sin da subito: è un bel gruppo, fatto di ragazze valide e darò il mio contributo per arrivare a qualcosa di importante. Non vedo l’ora di iniziare questa nuova avventura, di conoscere l’ambiente e le persone, cercando di ripagare al meglio la fiducia che la società ha riposto in me.”

  •   
  •  
  •  
  •