Mondiali volley femminile 2018 con Mila e Shiro: il celebre anime protagonista in Giappone

Pubblicato il autore: Christian Vannozzi Segui

Foto Getty Images© per SuperNews

Saranno Mila e Shiro, il celebre anime nipponico degli anni ’80 sulla pallavolo ad accompagnarci ai mondiali volley femminile 2018, che inizieranno proprio in Giappone dal 29 settembre. La Rai, che trasmetterà l’evento in Italia, ha infatti deciso di utilizzare i due celebri personaggi nel proprio spot mondiale, a dimostrazione di come siano ormai parte integrante dell’immaginario collettivo del nostro paese, tanto che anche delle campionesse indiscusse di volley, come Francesca Piccinini, non hanno mai nascosto di essersi ispirate alla celebre Mila all’inizio della propria carriera pallavolistica.

Fantastica è Mila Hazuki, una ragazza che nonostante la bassa statura, l’ostilità del padre e un coach che non la considera una atleta da prendere come esempio, riesce con tanta fatica e grande forza di volontà a diventare la migliore, realizzando delle schiacciate che sono sicuramente surreali e non veritiere, ma che servono per trasmettere un messaggio importante che spesso molti di noi hanno dimenticato, ovvero la forza che può provenire da noi se crediamo nei nostri sogni e se guardiamo ben concentrati il nostro obiettivo.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, Massimo Bellano nuovo allenatore di Firenze

Diverse ragazze che hanno iniziato i primi colpi nel mondo del volley hanno molto in comune con Mila, magari sono impacciate, e non sono considerate di grande talento all’inizio, ma quelle di loro che non si arrendono, e si allenano per realizzare i propri sogni, magari oggi giocano in qualche squadra professionistica, magari non in A1, magari non faranno le olimpiadi o i mondiali, ma il loro traguardo l’anno raggiunto, un traguardo che permette sicuramente di azzittire chi ha lanciato giudizi troppo affrettati e far credere in se stessa la persona che invece ha saputo rimanere in silenzio, senza discutere, senza litigare, dimostrando con i fatti quello che vale.

A volte si deve essere più forti delle avversità, e in questo Mila è sicuramente una eroina, perché non si da mai per vinta, e riesce in tutto quello che si prefigge, arrivando anche a farsi notare da Shiro, che pur non essendo il protagonista dell’anime diventa un po’ il punto di riferimento della giovane atleta, che lotterà fino alla fine in ogni cosa per dimostrare alla persona che ama quanto vale, partendo proprio dalla pallavolo, sport che li unisce e che li ha fatti conoscere.

Leggi anche:  Finale scudetto pallavolo femminile, tutti i numeri dell'eterna sfida Conegliano-Novara: ecco i precedenti

Mondiali volley femminile 2018: quando il sogno continua

Mila e Shiro il sogno continua è il titolo della serie animata creata sulla scia di Mila e Shiro in occasione delle Olimpiadi di Pechino del 2008. Qui una Mila ormai adulta e pallavolista professionista era a un passo dal lasciare la carriera per un infortunio al tendine d’Achille. Fortunatamente Shiro, allenatore di una squadra cinese di seconda divisione, decide di darle una nuova possibilità, occasione che il talento giapponese accetta rendendo possibile la convocazione del proprio sogno.

Ora c’è veramente la possibilità di vivere un sogno per Paola Egonu e compagne, e per farlo occorre per prima cosa credere nel sogno che si insegue, nel senso che se non sono loro che scendono in campo a poter credere di vincere il mondiale difficilmente questo si potrà vincere. La squadra è sicuramente giovane, ma con grandissima forza di volontà, e con un coach, Davide Mazzanti, che è in grado di sviluppare un buon gioco creando una forte coesione nel gruppo, cosa che si è ben vista nell’Imoco Volley,che con lui alla guida lasciava pochissimo alle avversarie.

Leggi anche:  Allianz Powervolley: Milano - Ravenna 3 -0. Quinto successo consecutivo per i meneghini

  •   
  •  
  •  
  •