Final Six Volleyball Nations League pallavolo femminile, l’Italia eliminata ora guarda al torneo preolimpico

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui


Volleyball Nations League pallavolo femminile, dopo l’uscita forse inaspettata alle Final Six causata dalla sconfitta per 3-1 ( 25-17, 25-22, 22-25, 25-22) contro la Cina, l’Italia di Davide Mazzanti dovra’ essere brava a resettare questo brutto stop e guardare all’importantissimo appuntamento del primo week-end di Agosto con il torneo preolimpico.
Forse ci si poteva aspettare qualcosa di più dalle ragazze terribili in queste Final Six Volleyball Nations League pallavolo femminile che sono certamente state complicate dalla brutta sconfitta rimediata ieri contro la Turchia. 
Le ragazze del ct Mazzanti per staccare il pass per le semifinali delle Final Six Volleyball Nations League pallavolo femminile dovevano  vincere contro la Cina, così non e’ stato, a festeggiare invece sono state le padrone di casa che hanno controllato bene l’intera partita, grande lucidita’ anche nel quarto parziale nel quale il muro ritrovato dell’Italia e una Egonu come sempre incisiva avevano provato a portare il match al quinto set.
Difficile dire se il periodo di stop e pausa che ha accompagnato alle Final Six Volleyball Nations League possa aver influito sulle due prestazioni della nostra Nazionale che non sono state certo esaltanti.
Sia con la Turchia che oggi contro la Cina la nostra Nazionale non e’ certo riuscita a esprimere il proprio gioco migliore.
Importantissimo  sara’ ora resettare la Volleyball Nations League pallavolo femminile , l’Italia infatti ora guarda al torneo preolimpico di Catania, vero grande obiettivo stagionale.

Leggi anche:  Pallavolo femminile A1, Perugia in campo per lasciare l'ultimo posto

Il bilancio di questa Volleyball Nations League pallavolo femminile


Nel complesso il percorso di avvicinamento a queste Final Six Volleyball Nations League pallavolo femminile era stato molto positivo, forse un epilogo come questo non era preventivabile, le semifinali certamente erano alla portata del nostro gruppo.
Forse in questa partita contro la Cina alcuni meccanismi hanno cominciato a funzionare troppo tardi, i punti a muro sono arrivati nel quarto parziale ma la Cina e’ stata brava a non perdere la testa e a mantenere la lucidita’ che ha permesso alle padrone di casa di staccare il pass per le semifinali.
Sicuramente questa Volleyball Nations League pallavolo femminile e’ stato un banco di prova soprattutto per le giocatrici che si sono integrate al gruppo protagonista dell’argento mondiale in Giappone, torniamo a ripetere che non e’ certo facile capire se la pausa che ha anticipato queste Final Six Volleyball Nations League abbia potuto influire sull’esito dei due match contro Turchia e Cina.

Leggi anche:  Allianz Powervolley Milano: recupero della quarta giornata contro Modena

Prossimo obiettivo il torneo preolimpico


Nei prossimi giorni la nostra nazionale rientrera’ in Italia, dopo un periodo di pausa, il ritrovo e’ programmato ad Alassio per iniziare il periodo di preparazione che portera’ appunto al torneo di qualificazione olimpica di Catania dal 2 al 4 Agosto.
Se si vuole cercare un aspetto positivo dell’esito finale di questa Volleyball Nations League pallavolo femminile, certamente quello che l‘Italia vista contro Turchia e Cina non e’ la vera Italia che ha  abituato a sognare i tanti tifosi nell’ultimo periodo.
Il tempo ora per rifiatare un po’ ci sara’, la Volleyball Nations League pallavolo femminile ha dato al ct Davide Mazanti l’occasione di provare molto, sicuramente immaginiamo che non sara’ stato contento dell’approccio visto in queste due ultime partite, il modo di recuperare presto c’e’, certo che bisognera’ migliorare su alcuni aspetti visti in queste ultime uscite.

  •   
  •  
  •  
  •