Pallavolo femminile A1, continua la crisi di Brescia: dure le parole di Beatrice Berti

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui

Pallavolo femminile A1, continua la crisi di risultati di Brescia. In uno degli anticipi del sabato della 7.a giornata di andata la squadra di coach Mazzola ha subito un’altra sconfitta in casa contro Chieri. Netto il risultato , 0-3 ( 22-25, 19-25, 20-25) che conferma la crisi delle leonesse che mai in questi ultimi anni si erano trovate in una situazione di classifica così complicata. Un punto solo per la squadra lombarda che deve cominciare ad invertire la rotta per non compromettere ulteriormente una situazione già delicata.
La centrale Beatrice Berti autrice ieri di 6 punti analizza la situazione e pone una questione legata al carattere della squadra che fino a questo momento non è uscito fuori nei momenti difficili. Se la fortuna fino a questo momento non è stata dalla parte di Brescia, ieri per la prima volta l’opposto Anna Nicoletti è stata schierata nel sestetto titolare dopo uno stop lungo, è anche vero che probabilmente in questa prima parte di stagione si poteva fare qualche cosa in più.

Leggi anche:  Champions League pallavolo femminile, la bolla a Scandicci: si parte col derby tutto italiano

Queste le parole di Beatrice Berti : ” Purtroppo vincere aiuta a vincere , perciò se non riusciamo ad ottenere un po’ di fiducia in noi stesse risulterà tutto più difficile. Sapevamo che Chieri era una bella squadra con un gioco molto veloce e ci spiace ancor più aver sprecato le palle decisive del primo set, che hanno deciso praticamente le sorti dell’incontro. Questo è uno dei nostri limiti purtroppo : quando avviene il “black out” ci viene molto difficile riaccendere la luce. Questo accade specialmente per via del nostro carattere, dove l’incipit sarebbe quello di sopperire alle mancanze eventuali delle compagne senza, però, riuscirci. Da domani dovremo pensare unicamente alla gara con Bergamo che per noi sarà un vero e proprio scontro diretto dal quale tirare fuori più punti possibili. “

  •   
  •  
  •  
  •