Coronavirus, presidente Modena Volley: “Se il governo non ci aiuta, rischiamo di sparire”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


La pandemia da Coronavirus continua a tenere banco in tutto il mondo, bloccando ogni settore della vita pubblica e privata. In particolar modo in questi giorni si parla di nuove norme che dovrebbero essere ancora più restrittive, in modo da andare a placare quella che è la forza di questa seconda ondata che ha investito, nello specifico, il nostro paese. Tra le tante misure prese dal nostro Governo per contrastare il temuto Coronavirus, uno dei settori che più viene penalizzato è quello sportivo. Nessuno ha nascosto che molte società sportive degli sport professionistici sono in difficoltà, tra cui il Modena Volley.

Il Modena Volley rischia di sparire a causa del Coronavirus

A tal proposito il presidente del Modena Volley, Catia Pedrini, ha rilasciato un’intervista sulle colonne de Il Resto del Carlino, dove offre spunti di riflessione sulla situazione societaria attuale causata dal Coronavirus e sul futuro della stagione attuale: “Il Comitato 4.0 sta lavorando su questo da mesi: se non arriveranno ingenti aiuti forse rimarranno quattro squadre. Tra queste non credo Modena. Con numeri così raccapriccianti della pandemia, il Governo deciderà se sanità, scuola, cultura, musica e sport avranno un futuro in questo paese”. Sono parole preoccupanti in una situazione sempre più delicata, con le società che attualmente non riescono ad avere incassi, con la preoccupazione di non riuscire a pagare gli stipendi dei dipendenti: “In una stagione assurda l’unico dato certo è quello della nostra gente che ha acquistato gli abbonamenti. Che faranno gli sponsor? Qualcuno onorerà in toto gli impegni, altri temo non lo faranno. Poi ci sono da pagare gli stipendi di chi lavora in Modena Volley: non solo i giocatori, ma una quarantina di persone“.

La stagione di Superlega Volley è attualmente in atto, con il Modena che ha perso 3-0 contro il Civitanova. Catia Pedrini ha commentato negativamente il protocollo per contrastare il Coronavirus adottato dalla lega: “A oggi sono ridicoli: si gioca fino a tre positivi in squadra. Perugia ha giocato a Ravenna e, a distanza di una settimana, ha praticamente tutti positivi. Trento ha giocato con Mosca che ora ne conta otto: non so dove si voglia arrivare con questo effetto domino che andrebbe scongiurato con ogni mezzo“. 
Alla fine conclude con una proposta per terminare con regolarità l’attuale stagione e in tutta sicurezza: “Sospendere due mesi e riprendere a Gennaio in tutta sicurezza. Si dovrebbe agire con FIVB per non disputare la VNL, in modo da poter giocare il campionato fino a maggio” afferma il presidente del Modena Volley.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Milan, Pioli è negativo al Covid: può tornare in panchina