Pallavolo femminile A1, Monza fa la voce grossa e frena la corsa di Novara

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui


Pallavolo femminile A1, si sono giocati ieri mercoledì 20 gennaio due recuperi ed un anticipo. Importantissimi i verdetti che sono arrivati dal campo. Monza fa la voce grossa e frena la corsa di Novara vincendo in trasferta contro le ragazze di coach Stefano Lavarini 0-3 ( 23-25, 23-25, 22-25) nel recupero della 4.a di ritorno. Le brianzole accorciano la distanza in classifica da Novara seconda in classifica, sono ora terze a 39 punti a meno sette e con partite da recuperare. Soprattutto un segnale importante che ridimensiona per il momento le ambizioni di Novara di provare a candidarsi come rivale di Conegliano.
Nella partita di ieri superlativa la prova di Anna Danesi autrice di 14 punti con il 67 % in attacco.
Continua a risalire in classifica anche Busto Arsizio che trova la seconda vittoria consecutiva a distanza di pochi giorni in Toscana superando questa volta Firenze per 0-3 ( 19-25, 20-25, 21-25) nell’anticipo della settima di ritorno. Un passo indietro per Firenze e uno decisamente in avanti per Gennari e compagne che finalmente dopo un inizio di stagione davvero complicato sembra stiano ritrovando il ritmo giusto.
Nell’ultimo dei tre incontri disputati ieri mercoledì 20 gennaio si è giocata Perugia-Scandicci valida come recupero della seconda di ritorno. C’erano punti importanti in palio per Perugia che aveva l’obiettivo di scavalcare Brescia in classifica lasciando l’ultimo posto. In casa le umbre hanno però perso contro le ragazze di coach Massimo Barbolini 1-3 ( 16-25, 25-23, 18-25, 21-25). Tre punti importantissimi per Scandicci che piano piano vuole ritornare ad agganciare il treno delle grandi.

Leggi anche:  Olimpiadi pallavolo maschile, Italia soffre ma vince in rimonta all'esordio col Canada

Questa la classifica aggiornata dopo le partite di ieri :
Conegliano 54, Novara 46, Monza 39, Scandicci 30, Chieri 29, Busto Arsizio 22, Cuneo 19, Trento 18, Firenze 17, Casalmaggiore 14, Bergamo 14, Brescia 10, Perugia 9.

  •   
  •  
  •  
  •