Champions League pallavolo femminile, Conegliano dalle sette vite vince contro una Scandicci da applausi

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui

Champions League pallavolo femminile, nella gara di andata dei quarti di finale in trasferta contro una  Scandicci da applausi , Conegliano ha affrontato la partita più dura degli ultimi mesi ma è riuscita a vincere in cinque set ( 25-17, 27-29, 30-28, 23-25, 15-17). I risultati dei parziali, a parte il primo, raccontano di che battaglia si sia vista ieri in campo.
La squadra di coach Massimo Barbolini ha offerto probabilmente la miglior prestazione stagionale che però non è bastata ad avere la meglio di una Conegliano che non muore mai. I time out chiamati da Daniele Santarelli hanno mostrato una versione inedita dell’allenatore delle pantere, visibilmente infastidito dall’approccio non grintoso delle proprie ragazze.
Anche ieri però, così come nella sfida del Palaverde di sabato scorso contro Novara, Conegliano è riuscita nell’impresa di ribaltare dei passivi pesanti, vedi il 19-15 del quarto set e il 9-5 del tie-break: una situazione che a quel punto sembrava compromessa e che stava regalando uno scenario mai visto in questa stagione: un ko delle pantere.
Conegliano invece proprio in quel momento ha rialzato la testa e grazie alle proprie protagoniste è riuscita a portare a casa il primo tempo di questa avvincente sfida che vedrà l’atto finale mercoledì prossimo al Palaverde alle 20,30.
Egonu ieri ha firmato 38 punti finali e la squadra veneta ha centrato la vittoria consecutiva numero 50. Per Scandicci 28 i punti di Stysiak e soprattutto una prestazione di squadra da applausi che ha messo per la prima volta quest’anno in vera difficoltà Conegliano. I discorsi in vista del ritorno e soprattutto pensando alla partita di ieri sono naturalmente tutti aperti, le toscane per passare dovranno vincere 3-0, 3-1, in caso di vittoria delle ragazze di coach Massimo Barbolini per 3-2 si andrà al Golden Set. 

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Finale scudetto pallavolo femminile, Lavarini commenta la sconfitta di Novara