Pallavolo femminile A1, il commento alla 10.a di ritorno

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui


Pallavolo femminile A1, la 10.a di ritorno ha dato delle conferme e messo in discussione alcune situazioni che sembravano già definite.
Per quanto riguarda le conferme ci riferiamo alle tre prime della classe , Conegliano, Novara e Monza vittoriose ieri rispettivamente contro Bergamo, Perugia e Trento e che ancora una volta hanno dimostrato il loro grande campionato.
Se per Conegliano che ieri ha raggiunto la ventiduesima vittoria consecutiva da tre punti parliamo di una stagione da record fino ad ora, un grande applauso va fatto alla coppia Novara-Monza che nel complesso ha portato avanti un’annata da incorniciare. Potranno una volta iniziati i playoff insidiare per davvero le pantere ? La sconfitta di qualche settimana fa delle brianzole in casa con Conegliano non è stata del tutto indicativa visto che la squadra di Marco Gaspari in quell’occasione era priva delle palleggiatrici titolari.
Una cosa è certa, lo spettacolo sarà assicurato da qui al termine della stagione.
Una conferma senza dubbio è data anche dalla corsa di Busto Arsizio vittoriosa anche ieri al tie-break su un campo difficile come quello di Chieri. Dopo una prima parte di stagione condita da mille difficoltà le farfalle di Marco Musso stanno volando sempre più in alto.
In fase di ripresa anche Scandicci che come Trento ha pagato il lungo stop causa Covid. Sembra però che ora le ragazze di Massimo Barbolini si stiano riagganciando al treno delle big, ieri importante successo a Cuneo.
A proposito di Trento la squadra di Matteo Bertini dopo il rientro dal Covid non ha più vinto, il calendario non è stato agevole ma ora certamente la squadra vorrà tornare a fare punti nelle partite mancanti e in quelle da recuperare.
Si infiamma la lotta per non retrocedere , si è messo in discussione ciò che sembrava già definito. Brescia si è rialzata, ieri le leonesse hanno vinto in casa contro Casalmaggiore centrando la seconda partita da tre punti dell’anno dopo quella contro Bergamo.
La classifica dice che ora le ragazze di Stefano Micoli ultime a quota 13 tallonano Perugia a meno uno anche se le umbre rispetto alle lombarde hanno una partita in meno.
Le ultime giornate saranno decisive a partire dalla prossima che vede Brescia ospitare in casa Scandicci. Importante sarà naturalmente il recupero di Perugia mercoledì a Cuneo.

Leggi anche:  Superlega, Sir Safety Conad Perugia torna al lavoro per l'insidiosa trasferta di Padova
  •   
  •  
  •  
  •