Champions League pallavolo femminile, Musso mette in guardia le farfalle in vista del ritorno

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui

Champions League pallavolo femminile, un’impresa incredibile quella che lo scorso mercoledì le farfalle di Busto Arsizio sono riuscite a compiere nella semifinale di andata contro le turche del Vakifbank Istanbul. Si perchè alla difficoltà della partita che già si conosceva alla vigilia si è aggiunto un inizio di match durissimo con le padrone di casa che avevano staccato Gennari e compagne 2 set a 0. A quel punto è salita in cattedra la squadra di Marco Musso che ha dimostrato e confermato quanto di straordinario visto negli ultimi mesi. Sembrano lontani anni luce i periodi bui di inizio stagione con l’emergenza Covid che aveva pesantemente colpito la squadra portandola a risultati ben al di sotto delle aspettative.
Busto Arsizio ora è a un passo dal sogno, quella finale di Champions League che completerebbe un percorso fino ad ora straordinario. Il 2-3 dell’andata naturalmente lascia i giochi apertissimi anche perchè per le farfalle il giocare in casa non avrà lo stesso peso di altre occasioni visto che i calorosissimi tifosi delle lombarde non potranno spingerle verso l’obiettivo.
Il calore arriverà di sicuro però nella testa delle giocatrici consapevoli del fatto che molti supporters le seguiranno davanti alle tv.
Che il match del ritorno sarà durissimo lo sa anche l’allenatore di Busto Marco Musso che fino ad ora alla guida del team ha compiuto un lavoro straordinario. Il suo compito in questi giorni non sarà facile, bisognerà caricare nel modo giusto le ragazze per portarle a centrare l’obiettivo.

Leggi anche:  L'Allianz Powervolley Milano vince 3-1 contro Padova ed omaggia la Prima della Scala

LE DICHIARAZIONI POST PARTITA

Queste le dichiarazioni dell’allenatore di Busto Arsizio Marco Musso a fine gara :  « Faccio i complimenti alla squadra perchè presentarsi su un campo come questo e giocare con questa intensità è molto significativo del percorso di lavoro che stiamo facendo. Sapevamo della qualità del Vakifbank e che ci sarebbe stato da soffrire . Lo abbiamo fatto nei primi due set , ma abbiamo gestito bene pressione, poi abbiamo iniziato ad essere aggressivi, a partire dal servizio. Questo è un aspetto su cui  dobbiamo lavorare perchè anche questa sera abbiamo tardato a farlo e va fatto da subito. Di conseguenza poi è cresciuta la difesa , sono cresciuti i tocchi a muro ed è migliorato il contrattacco. Bene così, ma aspettiamoci un’altra battaglia alla e-work arena ». 

  •   
  •  
  •  
  •