Pallavolo femminile quarti playoff scudetto, colpo di Scandicci a Busto

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui


Pallavolo femminile quarti playoff scudetto, si è giocata ieri, dopo quelle del sabato e in attesa di quella di oggi tra Monza e Chieri, l’altra partita valida come gara 1. Colpo di Scandicci che è riuscita a vincere in trasferta contro Busto Arsizio 2-3 ( 25-17, 15-25, 30-28, 21-25, 13-15). Inizio di partita con due schiaffi ricevuti da entrambe le squadre, prima a dominare sono state le farfalle, poi nel secondo set hanno risposto Malinov e compagne. A quel punto è stata battaglia vera e a spuntarla è stata una Scandicci che sta mostrando in questo ultimissimo periodo tutto il proprio valore.
Non era facile vincere contro Busto e quando si era sotto 2-1 soprattutto in considerazione del grande valore della squadra di Marco Musso. Sembra che in questa fase di stagione stia uscendo fuori tutta l’esperienza di Massimo Barbolini capace di trasmetterla a una squadra che spesso quest’anno è andata al di sotto delle proprie potenzialità .
Le toscane potrebbero essere la vera mina vagante in questi playoff, non dimentichiamo che Scandicci è stata l’unica squadra a mettere in seria difficoltà Conegliano nell’andata dei quarti di Champions League. Vittoria importante dunque in questa gara 1, mercoledì per le toscane la possibilità , vincendo, di volare in semifinale.

Leggi anche:  Volley Champions League, Sir Simona Monini Perugia domani contro Trento parte la stagione europea

LE DICHIARAZIONI

Queste le parole dell’allenatore di Scandicci Massimo Barbolini : « Lo avevamo detto nel Pre-Gara che sarebbe stata equilibrata, lo è stata fino in fondo. E’ la più bella delle partite giocate da noi con Busto. Sono soddisfatto per come le ragazze hanno gestito certi momenti. Troppo spesso abbiamo perso per colpa dei nostri errori, stasera nel quarto e quinto set siamo stati bravi a gestire. Soprattutto contro una squadra forte che non molla mai che ha fatto un campionato bellissimo. Mercoledì si riparte da 0-0, quindi dobbiamo resettare e ricominciare». 

  •   
  •  
  •  
  •