Pallavolo femminile A1, la stella Egonu ancora a Conegliano

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui

Pallavolo femminile A1, la stella Egonu ancora a Conegliano, è arrivata oggi venerdì 4 giugno l’ufficialità da parte del club veneto. Una campionessa di assoluto livello, la top player mondiale del momento che sta in questi giorni preparando le Olimpiadi di Tokyo nel ritiro di Caorle. Nata a Cittadella, a soli 22 anni è una stella assoluta nel panorama pallavolistico mondiale, arrivata a Conegliano nel 2019 dopo la vittoria della Champions League con Novara proprio contro le pantere venete.
Il progetto comune e il matrimonio possono dunque continuare, in questa stagione sono arrivate le vittorie della Supercoppa italiana, della Coppa Italia, dello scudetto e soprattutto della Champions League, la sua seconda personale.
Conegliano non è certo intenzionata a ridimensionare il proprio progetto anzi, fino a questo momento sono arrivate conferme delle pedine principali, in pratica squadra che vince non si cambia. Oltre a Paola Egonu saranno pantere nella prossima stagione anche la bandiera Monica De Gennaro, la capitana Asia Wolosz, Lara Caravello che all’esordio in Veneto ha fatto benissimo, Giulia Gennari alla sua terza stagione con Conegliano.

Leggi anche:  VNL 2021: classifica , tutti i risultati e prossimi impegni della Nazionale pallavolo femminile

LE PAROLE DI PAOLA EGONU 

Queste alcune delle sue parole raccolte sul sito dell‘Imoco Volley Conegliano che raccontano della scelta di rimanere pantera nonostante le tante richieste : « Ho fatto la scelta giusta. Siamo un grande gruppo e qui sto bene, come le mie compagne. La società è molto seria, si mette a disposizione di ogni atleta e dello staff non facendoci mancare niente per lavorare, standoci sempre accanto  sia nei momenti di difficoltà che in quelli di gioia. Personalmente in questa annata difficile da gestire per i problemi legati al covid mi sono sempre sentita protetta e aiutata in ogni situazione. In più il fattore-pubblico, non ho praticamente mai giocato con il pubblico del Palaverde, mi manca il calore dei tifosi e non vedo l’ora di giocare con loro sugli spalti nel nostro palazzetto ». 

  •   
  •  
  •  
  •