Olimpiadi pallavolo femminile, Malinov chiede la fiducia dei tifosi

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui

Olimpiadi pallavolo femminile, certamente è stata forte la delusione per come si è chiuso il percorso azzurro a Tokyo. L’amarezza in primis è quella delle giocatrici che stavano vivendo il sogno di ogni sportivo, quello di partecipare alle Olimpiadi puntando in alto. Le aspirazioni di vittoria hanno però dovuto fare i conti con la forza della Serbia che ha letteralmente dominato il quarto di finale volando in semifinale.
La delusione è resa grande dalla consapevolezza che con il potenziale della squadra azzurra si potesse fare meglio. Una squadra capace di vincere un argento al mondiale e un bronzo agli Europei partiva legittimamente con ambizioni importanti.
Lo sport è anche questo e ora comincerà la partita più dura, il sapersi rialzare e continuare il proprio cammino. Sarà importante rimanere attaccati a questa squadra, lo ha espresso nella dichiarazione post partita anche la palleggiatrice Ofelia Malinov.

Leggi anche:  Eurovolley: dove vedere Italia Serbia? In streaming o diretta tv? Rai o DAZN?

LE PAROLE DELLE GIOCATRICI AZZURRE

Queste le parole di alcune delle protagoniste azzurre raccolte sul sito della Federazione italiana pallavolo :

MYRIAM SYLLA: «Ho poco da dire perché il risultato parla da sé, ci è mancato qualcosa ma non sappiamo cosa, perché altrimenti avremmo cercato di rimediare. Siamo scese in campo convinte che questa potesse essere la partita della svolta e, invece, non è andata bene. Non ha funzionato niente stasera».

OFELIA MALINOV: «C’è poco da dire, dispiace a tutte uscire in questa maniera dal torneo olimpico. A capitolo chiuso sono tante le cose che si potevano meglio, il gruppo però c’ha creduto sempre, anche se non siamo riuscite a far vedere la nostra pallavolo. Non è una scusa ma siamo una squadra giovane e mi piace pensare che questa sia un’esperienza dalla quale acquisire forza per il futuro. Vorrei solo chiedere alla gente di continuare ad avere fiducia in noi, perchè adesso ci fa tanto male, ma ce la metteremo tutta per rialzarci »

  •   
  •  
  •  
  •