Pallavolo femminile A1, Scandicci supera Bergamo, le parole di Barbolini critico nonostante il successo

Pubblicato il autore: Antonio Villani Segui

Pallavolo femminile A1, nell’anticipo del sabato della 2.a giornata di andata , Scandicci in casa ha superato Bergamo per 3-1 ( 25-15, 26-24, 20-25, 25-15) trovando il primo successo della stagione e condannando le orobiche al secondo ko consecutivo .
Primo set dominato dalle ragazze di coach Barbolini, il secondo combattuto e vinto dalle toscane ai vantaggi, la reazione nel terzo di Bergamo non è bastata perchè nel quarto c’è stato un altro parziale a senso unico a favore di Scandicci.
In campo nel secondo e terzo set si è vista anche Ofelia Malinov che nella partita di domenica scorsa era stata costretta ad uscire per un infortunio alla caviglia.
Top scorer di Scandicci la coppia Pietrini-Antropova con 14 punti mentre per Bergamo Lanier ha chiuso con 19. Per le padrone di casa c’è stata una percentuale in attacco del 34% , quasi uguale al 33% di Bergamo. Scandicci ha trovato 15 punti a muro contro i 10 delle avversarie , 4 gli ace delle ragazze di coach Barbolini , uno solo per Bergamo.
Una grande prestazione soprattutto per quanto riguarda la percentuale in attacco è stata tra le fila di Scandicci quella di Antropova che ha messo palloni a terra con il 58%, decisamente più basse se considerate singolarmente sono state quelle delle giocatrici di Bergamo. Grande la prestazione del libero Brenda  Castillo di Scandicci con una ricezione positiva del 78% e perfetta del 56%.
Certamente un successo importante quello ottenuto da Scandicci che sale a quota 3 in classifica, per Bergamo invece i primi punti della stagione sono ancora rimandati.

Leggi anche:  Superlega, Sir Safety Conad Perugia a Padova per reagire nel posticipo della nona giornata

IL COMMENTO POST PARTITA

Queste le parole di coach Massimo Barbolini raccolte sul sito del club toscano : «Siamo una squadra che gioca sempre con la spada di Damocle dell’errore e di essere un po’ imprecise. Nei momenti in cui possiamo evitarlo dobbiamo evitarlo. A metà secondo set abbiamo sbagliato quattro attacchi su cinque e loro sono rientrate in partita. Il terzo set da 11-16 siamo andati 16-16 e dopo abbiamo sbagliato noi. Sono errori che non dobbiamo commettere. Nel primo set siamo partite molto attente e determinate e allo stesso modo abbiamo fatto anche nel quarto set. Dopo che avevamo perso il terzo , abbiamo capito che dovevamo tornare a mettere attenzione e così il set è filato via abbastanza liscio ».

  •   
  •  
  •  
  •